ANALISI SALVATORE CALLERI (OMCOM) SU TERRORISMO JIHADISTA E CRIMINALITÀ ORGANIZZATA

0
1088

In questo momento internazionale particolare la cui attenzione è diretta al contrasto dei movimenti terroristici di tipo jihadista bisogna però sforzarsi di  mantenere una notevole vigilanza a 360 gradi su ciò che avviene attorno.

In primo luogo, soprattutto per quanto riguarda l’Europa ed il Mediterraneo non bisogna dimenticare che:

1) i terroristi jihadisti in azione fino ad ora a Parigi, Nizza, Bruxelles e Berlino avevano e/o facevano in precedenza parte di piccoli gruppi criminali diffusi ed in qulche modo organizzati sul territorio. Diverso al momento il caso della Turchia.
2) i traffici internazionali tra le organizzazioni criminali narcomafiose e quelle terroriste jihadiste sono spesso sovrapponibili e con sicuri rapporti di interazione/collaborazione.
3) è altamente probabile che le reti di supporto cellulare jihadiste presenti sul territorio possano quindi contare su una ramificazione preesistente sul territorio basata su vecchie “amicizie” criminali e su addirittura i vecchi salafiti in fuga dall’Algeria negli anni 90 della guerra civile che nessuno si ricorda più. I salafiti algerini avevano una loro rete di protezione in parte rimasta e probabilmente convertitasi ad altro.
4) il procedimento di estremizzazione che avviene nelle carceri ci deve far riflettere sull’importanza dello strumento del c.d. 41bis in Italia e sull’eventuale sua estensione ad altre tipologie e sulla creazione di norme simili, ove non presenti, all’estero.
5) occuparsi del terrorismo non deve far abbassare la guardia sui fenomeni tipo la criminalità organizzata,  i narcos e la mafia. Tali forme sono pericolosissime oltre che per le interazioni esistenti con i terroristi jihadisti anche per la loro innata capacità automatica di espansione quando vengono dimenticati.
6) in questo momento in Italia, ma il modello è espandibile in Europa ci stanno registrando  alcuni comportamenti instabili nelle forme di criminalità organizzata e/o mafiosa  meno raffinata. Comportamenti che possono aprire conflitti di strada tra ceppi criminali campani e ceppi nigeriani e ceppi cinesi. In particolare a Napoli. Tra l’altro i comportamenti criminali di alcuni gruppi tipo i c.d. Barbudos non differiscono molto dalle modalità dei gruppi jihadisti in altre zone del mondo persino da un punto di vista estetico.

Una costante attenzione a 360 gradi attorno a noi fa rima con la prevenzione.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine