I compiti per il 2018 (di Salvatore Calleri)

Come Fondazione Caponnetto diamo qualche compito da fare ai governanti del 2018:

1) Occorre ridurre per lo stato il costo delle intercettazioni telefoniche, ovviamente senza rinunciare a tale utile strumento.
2) Il 41 bis va rafforzato essendo uno strumento indispensabile alla lotta alla mafia.
3) Il fine pena mai per i mafiosi è uno strumento da tenere sempre presente in quanto è temuto dai mafiosi in libertà.
4) Occorre combattere il riciclaggio internazionale, cosa che in realtà non viene fatta quasi per nulla.
5) Occorre prestare la massima attenzione al traffico dei rifiuti.
6) Occorre prestare la massima attenzione alla zoomafia.
7) Occorre monitorare ed eventualmente aggredire i boss che dopo aver scontato la pena tornano sul territorio. La possibilità che possano ricostruire i vertici è alta così come il coinvolgimento di mogli e figli.
8) Occorre colpire i colletti bianchi, sempre più presenti nelle organizzazioni criminali. 9) Occorre aumentare la pena per il reato associativo di cui al 416bis.
10) Occorre fermare le cosiddette querele temerarie a danno dei giornalisti investigativi antimafia.
11) È necessario sapere dai vari partiti chi intendono mettere nella prossima legislatura in commissione antimafia.

12) Occorre creare uno spazio antimafia europeo da realizzare con una concreta strutturazione di una Procura Antimafia e Antiterrorismo Europea presso Eurojust con una sorta di DIA Europa.
13) 10 anni di pena per chi detiene armi da fuoco non autorizzate. 15 anni per le armi da guerra.

di Salvatore Calleri

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine