Mafia, in memoria del piccolo Giuseppe, donne ‘coltivano’ riscatto

0
1262

Dall’omicidio del piccolo Giuseppe Di Matteo al riscatto di dieci giovani donne che hanno imparato l’agricoltura sociale e trasmesso valori di legalita’ e inclusione a oltre 120 minori ospiti di case famiglia, comunita’ alloggio, disabili o autori di reato. Sara’ questo il filo conduttore delle iniziative organizzate in occasione del ventunesimo anniversario dell’omicidio Di Matteo, ucciso e sciolto nell’acido, da Libera Palermo e dal comune di San Giuseppe Jato, dal titolo “A Giuseppe che non ha chiuso gli occhi… perche’ li ha aperti a noi”. Nel bene confiscato al boss Giovanni Brusca in contrada Giambascio, dove fu ucciso il piccolo Giuseppe, oggi sorge il Giardino della Memoria e in contrada Ginestra, a pochi passi dal Memoriale della strage del primo maggio 1947, su un bene riconducibile ai Brusca, sorge il centro Di Matteo. I due beni sono stati sede del progetto “Chi Semina Racconta”, finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei ministri e realizzato dalla Cooperativa sociale Placido Rizzotto (capofila), da Libera Palermo, da Orizzonte Donna onlus e dalla Rete delle Fattorie sociali Sicilia. Qui dieci giovani donne sono diventate operatrici di Biofattoria sociale nell’ambito di un programma che ha coinvolto anche 120 minori in difficolta’, disabili o autori di reato.

Domani alle 10,30, presso l’Aula consiliare del Comune di San Giuseppe Jato e alla presenza delle associazioni locali e delle scuole, l’amministrazione comunale e quella di Prato firmeranno una lettera d’intenti per la promozione di percorsi comuni all’insegna della legalita’, della collaborazione e dell’amicizia; alle 16, nell’Aula Pio La Torre dell’ex Casa del Fanciullo di via Vittorio Emanuele, a San Giuseppe Jato, si terra’ l’evento conclusivo di “Chi Semina Racconta” con la presentazione dei risultati; alle 19 sara’ invece scoperta una targa commemorativa del piccolo Giuseppe in piazza Falcone e Borsellino a San Giuseppe Jato. Mercoledi’ alle 10, al Giardino della Memoria di contrada Giambascio, autorita’ civili e militari, studenti di Altofonte, Palermo, San Cipirello e San Giuseppe Jato e volontari ricorderanno il piccolo Giuseppe visitando il bene confiscato e ascoltando le testimonianze sulla sua storia dei giovani jatini soci dell’associazione LiberEssenze. E’ prevista la presenza del prefetto di Palermo, di rappresentanti dell’Arma dei carabinieri, dei sindaci dei comuni del Consorzio Sviluppo e Legalita’ e del direttore Lucio Guarino, oltre ai rappresentanti di associazioni di categoria e di realta’ locali. In questa occasione si terra’ anche un laboratorio espressivo e verra’ presentato in anteprima nazionale il romanzo “Il giardino della memoria” di Martino Lo Cascio, edito da Mesogea e dedicato al piccolo Giuseppe Di Matteo. Nel corso delle iniziative saranno presenti inoltre una delegazione del comune di Prato, composta da alcuni assessori e dal presidente del consiglio comunale, in segno di amicizia nei confronti di San Giuseppe Jato, e alcuni rappresentanti dei coordinamenti di Libera a Prato e a Bolzano e dei dipendenti della Coop Alleanza 3.0 di Rimini, ex campisti di Estate Liberi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine