Mafia, ‘ndrangheta, droga e affari tra Sicilia e Calabria: 25 arresti della Polizia

0
1777

Vasto blitz della Polizia di Stato in Sicilia e Calabria con l’esecuzione di 25 misure cautelari per associazione per delinquere finalizzata al traffico e spaccio di sostanze stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso e al fine di agevolare il clan catanese Cappello-Bonaccorsi.

Le indagini condotte dalla Squadra mobile di Catania e coordinate dalla Procura distrettuale etnea, hanno permesso di individuare l’esistenza di distinte organizzazioni criminali, attive in diversi quartieri del capoluogo e in provincia, specializzate nel narcotraffico, con collegamenti con le ‘ndrine calabresi e gruppi palermitani e siracusani.

La misura cautelare eseguita e’ il culmine delle indagini coordinate dalla Dda e condotte dalla Squadra Mobile – Sezione Antidroga tra ottobre 2014 e aprile 2016 e che si sono avvalse anche delle dichiarazioni di collaboratori di giustizia. Il gruppo, operante sotto l’egida del clan Cappello-Bonaccorsi, si distingueva per la sua articolata organizzazione, essendo in grado di gestire vendite e acquisti di ingenti quantitativi di sostanze stupefacenti, rifornendosi da esponenti di spicco della criminalita’ organizzata calabrese, in particolare quella operativa nella piana di Gioia Tauro, e poi rivendendo a soggetti operanti in questo capoluogo nonche’ nelle citta’ di Palermo e Siracusa. Le modalita’ operative del gruppo si caratterizzavano, per la particolare efferatezza, consistita anche nel “sequestrare” gli acquirenti che non pagavano immediatamente le partite di droga. Le intercettazioni hanno rivelato consolidati collegamenti del gruppo catanese con altri soggetti calabresi attivi nel narcotraffico, con particolare riferimento a cocaina e hashish. Due destinatari della misura allo stato irreperibili sono ricercati. Gli arrestati sono stati condotti nelle case circondariali di Catania Bicocca e Piazza Lanza, Palermo e Cosenza. Alla fase esecutiva hanno partecipato equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale della Polizia di Stato e personale delle Squadre Mobili di Palermo, Messina e Cosenza.

Gli investigatori della Mobile hanno potuto vedere all’opera uno dei piu’ agguerriti gruppi di narcotrafficanti di droga che giungeva a Catania per finire anche nel mercato di Palermo e Siracusa direttamente dalla piana di Gioia Tauro e dal Cosentino. Il gruppo criminale non avrebbe esitato a sequestrare due persone ed anche un cane perche’ le partite di droga non erano state pagate immediatamente. Si tratta del rapimento di un palermitano, Manuel D’Antoni (tra i destinatari dell’ordinanza), sequestrato a Palermo il 26 marzo 2015 e rilasciato dopo il pagamento di 16 mila euro, e di un pasticcere nella frazione di Torvajanica, nel lungomare laziale, il 3 marzo del 2016 per un debito di 130mila euro, i cui autori furono arrestati la stessa sera a Messina. Gli arresti nell’operazione, denominata ‘Double track’, sono stati compiuti nel Catanese, a Messina ed a Cosenza. Tra gli arrestati vi sono due donne. Due le persone che sono riuscite a sfuggire all’arresto. Sette ordinanze di custodia cautelare sono state emesse nei confronti di altrettanti detenuti. Otto persone sono state poste ai domiciliari.

I nomi degli arrestati finiti in carcere: Simone Guglielmino, Ivano Antonino Santangelo, Cristian Domenico Santonicito, Davide Nunzio Scrivano, Giuseppe Treccarichi Scauzzo, Salvatore Consolato Coppola, Pietro Privitera, Francesco Troina, Giuseppe Cacciola, Gregorio Cacciola, Giuseppe Giosaffatte Elia, Pasquale Francavilla, Marco Perna, Filippo Beninato, Mirco Daniele Pucci. Sono finiti ai domiciliari: Mattea Barbera, Santa Ramona Boncaldo, Gabriele Lo Pinto, Rocco Tutone, Manuel D’Antoni, Fabio Comito, Onofrio Lo Nigro.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine