Presentate le liste in Sicilia: si parte tra forconi, vecchi volti e nuovi sospetti

0
3440

Si parte. Chiusa alle 16 di ieri la partita delle liste, la campagna elettorale diffusa entra nel vivo. Convinto dal leader Pd Matteo Renzi Rosario Crocetta rinuncia al suo Megafono, facendo convergere i suoi nella liste Micari per dargli piu’ consistenza, insieme ai fedelissimi di Leoluca Orlando. Il politico di Gela, peraltro, si presenta capolista a Messina di Arcipelago Sicilia. Cosi’ come Giancarlo Cancelleri lo e’ per il M5S nella sua Caltanissetta e Claudio Fava a Catania. Tra le particolarita’ la candidatura del figlio del ras dei consensi a Messina Francantonio Genovese, per Forza Italia; nello stesso partito, a Catania, un politico accusato da Claudio Fava di contiguita’ con la mafia. Ma le ombre riguardano diversi in lizza. Sara’ tutto ‘materiale’ oggetto dell’esame della Commissione parlamentare antimafia presto qui in missione. A Ragusa il leader dei Forconi Mariano Ferro si schiera con Nello Musumeci nella lista Popolari e autonomisti. Riecco Gianfranco Micciche’. E in diversi comuni Fratelli d’Italia si presenta insieme a Noi con Salvini come del resto e’ accaduto alle Comunali di Palermo.

PALERMO. Capolista della Lista Micari l’imprenditrice antiracket sotto scorta Valeria Grasso. C’e anche Aurelio Scavone, vicino al sindaco Orlando, cosi’ come Antonino Sala; il parlamentare Pd Tonino Russo. Nella lista Pd c’e’ la capogruppo uscente Alice Anselmo, l’assessore all’Agricoltura Antonello Cracolici, il vicepresidente dell’Ars Giuseppe Lupo e la deputata regionale Valeria Sudano. Per Ap l’assessore alle Politiche sociali Carmencita Mangano. Capolista del Movimento 5 stelle Giampiero Trizzino, deputato uscente, uomo forte di Palermo dopo la sospensione di Riccardo Nuti, seguito da un’altra uscente Salvatore Siragusa; tutti scelti online dagli attivisti. Per cento passi per la Sicilia (Fava presidente) ecco l’ex Pd, deputato uscente Pino Apprendi, l’editore Ottavio Navarra, lo stesso Fava. Forza Italia mette in testa il commissario regionale Gianfranco Micciche’, i deputati uscenti Giuseppe Milazzo, Toto’ Lentini e Riccardo Savona, la gia’ deputata Marianna Caronia, l’ex consigliere provinciale Marcello Tricoli, il fedelissimo di Gaetano Armao, vicepresidente designato al fianco di Musumeci, Piero Garonna. Per l’Udc l’ex deputato forzista Vincenzo Fuguccia, l’ex Ap Piero Alongi, l’ex deputato centrista Armando Aulicino. Lista unica Fratelli d’Italia – Noi con Salvini, con un vecchia conoscenza il gia’ deputato Salvino Caputo, ex sindaco di Monreale. Alessandro Arico’ guida la lista di diretta emanazione Musumeci #Diventera’Bellissima. Mentre Roberto Lagalla i Popolari e autonomisti con i deputati uscenti Toto’ Cordaro e Roberto Clemente. – CATANIA. Forza Italia che sostiene Musumeci schiera come capolista il capogruppo uscente all’Ars Marco Falcone; e spunta Riccardo Pellegrino che il vicepresidente dell’Antimafia Claudio Fava, candidato presidente per la Sinistra, accusa di essere referente della mafia; accuse respinte dal destinatario che ha annunciato querela. L’Udc mette in campo l’uscente Alfio Barbagallo. A sinistra apripista dei Cento passi lo stesso Fava. Il Movimento 5 stelle si affida ai deputati Gianina Ciancio, Francesco Cappello e Angela Foti. Il Pd all’assessore al Turismo Anthony Barbagallo, ad Antonio Rubino e al sindacalista Angelo Villari. Ap e’ guidata dal presidente della Prima commissione Marco Forzese.

MESSINA. Forza Italia fa leva su un figlio d’arte, Luigi Genovese, giovane rampollo del ras dei consensi Francantonio, fermato da una pesante condanna nell’ambito del processo sui ‘corsi d’oro’ della formazione professionale; nella stessa lista gli uscenti Santi Formica e Nino Germana’. I moderati di Ap e Centristi per la Sicilia sono guidati dal presidente dell’Ars Giovanni Ardizzone. Il Pd ci prova anche con l’uscente Giuseppe Laccoto. E il governatore Rosario Crocetta e’ capolista di Arcipelago Sicilia, dove c’e pure la sua fedelissima Aurora Notarianni, assessore ai Beni culturali fresca di nomina.

– RAGUSA: il leader dei Forconi Mariano Ferro si schiera con Nello Musumeci nella lista Popolari e autonomisti. Cosi’ come Martina Guarascio, figlia dell’uomo che si uccise dandosi fuoco per difendere la sua casa, in lista con Forza Italia. Nella stessa provincia l’Udc mette in lista Roberta Giulia Mezzasalma che ha cambiato sesso e che ha denunciato un raid vandalico. Capolista di Ap il vicepresidente designato al fianco di Micari Giovanni La Via. Nel Pd il presidente della Commissione Sanita’ dell’Ars Giuseppe Digiacomo, il deputato uscento Nello Dipasquale. Il Movimento 5 stelle si fa guidare dall’uscente Vanessa Ferreri. – SIRACUSA. Qui emergono gli uscenti Stefano Zito (M5S), Giovambattista Coltraro e Giuseppe Sorbello (Udc), Vincenzo Vinciullo (Ap) e l’assessore alla Formazione Bruno Marziano (Pd).

– TRAPANI. FI in campo con l’uscente Giovanni Lo Sciuto e il gia’ deputato Toni Scilla, vicino al mondo dei pescatori. L’Udc ci riprova con il capogruppo di lungo corso Mimmo Turano. Il M5S con i parlamentari regionali Sergio Tancredi e Valentina Palmeri. Il Pd con l’assessore alla Salute Baldo Gucciardi, con il deputato questore Paolo Ruggirello. Giovanni La Via guida anche qui Alternativa popolare.

– AGRIGENTO. Emergono anche qui gli uscenti: Matteo Mangiacavallo (M5S),il vicecapogruppo del Pd Giovanni Panepinto, il vicepresidente della Regione Maria Lo Bello, Margherita La Rocca Ruvolo (Udc).

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine