Ragusa, controlli in centri di accoglienza per migranti: trovate dosi di droga per vendita

La Polizia di Stato – Squadra Mobile – ha effettuato controlli straordinari presso tre centri di accoglienza per migranti, 2 a Ragusa ed 1 a Giarratana, al fine di prevenire e reprimere il traffico di sostanze stupefacenti.

QUARTA FASE OPERAZIONE ALTO IMPATTO PROVINCIA DI RAGUSA

La Squadra Mobile di Ragusa ha effettuato decine di controlli in provincia di Ragusa unitamente ai Commissariati Distaccati di Vittoria e Modica, Reparto Prevenzione Crimine e Squadra Cinofili di Catania, Polizia Scientifica e Squadra Volanti.

Il Questore di Ragusa Dott. La Rosa Salvatore ha messo in campo decine di uomini per prevenire e reprimere il traffico di sostanze stupefacenti, la prostituzione ed i reati predatori.

Nelle prime fasi dell’operazione sono stati individuati obiettivi per i quali la Squadra Mobile aveva effettuato dei mirati servizi, tanto da trarre in arresto più spacciatori.

In questa occasione gli uomini della Polizia di Stato, coordinati dagli investigatori della Squadra Mobile, hanno effettuato controlli presso tre centri di accoglienza per migranti, 2 a Ragusa ed 1 a Giarratana, già interessati in passato (solo quello di Ragusa) dalla presenza di spacciatori tra gli ospiti.

Nonostante i costanti controlli e le recenti operazioni della Polizia di Stato è necessario mantenere alta l’attenzione per evitare la recidività dei soggetti coinvolti in attività illecite.

Dalle perquisizioni e controlli con i cani poliziotto è stato possibile rinvenire, presso uno dei due centri di Ragusa, delle dosi di marijuana pronte per la vendita.

In questa occasione non è stato possibile individuare il reale detentore in quanto la droga era stata nascosta in alcune parti comuni.

La sostanza stupefacente è stata sequestrata e verrà distrutta per disposizioni della Procura della Repubblica iblea.

“La Polizia di Stato di Ragusa continua le attività di prevenzione e repressione del traffico di sostanze stupefacenti, impiegando numerosi poliziotti a tutela della salute dei sempre più giovani assuntori”.

   

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine