Effettuata la “bonifica” degli Ingombranti a Marina di Modica

E’ partita ieri mattina, da Marina di Modica e Maganuco, la raccolta dei rifiuti ingombranti. La ditta Giorgio Puccia ha ripulito tutte le aree dei due centri balneari di materassi, reti, risulta di lavori di potatura di giardini, suppellettili in legno ed arredi di ogni tipo. A darne comunicazione è l’amministrazione comunale, dopo le diverse sollecitazioni che, nei giorni scorsi, erano provenute da più parti. La medesima operazione, nei prossimi giorni, sarà compiuta a Modica e si ritiene che, entro il fine settimana, la bonifica di piccole discariche a cielo aperto dovrebbe essere completata. L’amministrazione invita, comunque, il cittadino ad attivare il servizio ritiro ingombri, chiamando il numero telefonico 346/6558045. Il servizio sarà effettuato a domicilio. “Abbiamo dato disposizione di bonificare accumuli di rifiuti ingombranti – commenta il sindaco Abbate -, nel territorio della città. I centri rivieraschi da ieri hanno assunto un aspetto decoroso e più accogliente. E’ mia intenzione, e gli uffici stanno lavorando in questa direzione, di attivare tre isole ecologiche: una alla sorda, una tra Modica Bassa e Modica Alta e, l’altra, in periferia tra Modica e Frigintini. Ciò – conclude – consentirà al cittadino di potere depositare gli ingombranti favorendo nel contempo l’efficienza del servizio di raccolta”.

Condividi

Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico “Tommaso Campailla” di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo.
“Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: “Passaggio a Sud Est”. Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l’Agenzia Giornalistica “AGI” ed altre testate giornalistiche”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine