Prefettura Ragusa: ecco la “white list”

Applicando il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 18 aprile 2013, che prevede l’istituzione presso ciascuna Prefettura dell’elenco dei fornitori, prestatori di servizi ed esecutori, operanti in settori “sensibili”, non soggetti a rischio di infiltrazione mafiosa (la cosiddetta “white list”), sarà possibile produrre, anche con modalità telematiche, presso questa Prefettura, apposita istanza di iscrizione nell’elenco prefettizio. Le attività, per le quali è possibile richiedere l’iscrizione nell’elenco prefettizio, sono quelle tassativamente indicate nell’art. 1, comma 53, della legge 6 novembre 2012, n. 190 e precisamente:

a) trasporto di materiali a discarica per conto di terzi;

b) trasporto, anche transfrontaliero, e smaltimento di rifiuti per conto di terzi;

c) estrazione, fornitura e trasporto di terra e materiali inerti;

d) confezionamento, fornitura e trasporto di calcestruzzo e di bitume;

e) noli a freddo di macchinari;

f) fornitura di ferro lavorato;

g) noli a caldo;

h) autotrasporti per conto di terzi;

i) guardiania dei cantieri.

Eventuali richieste di iscrizione per settori diversi o, comunque, non coincidenti con quelli stabiliti dalla norma sono inammissibili. L’iscrizione nella white list è volontaria e potrà essere richiesta dal titolare della ditta individuale ovvero, se l’impresa è organizzata in forma societaria, dal legale rappresentante, indicando i settori di attività in cui l’azienda opera. L’istanza, i cui modelli sono scaricabili dal sito www.prefettura.it/ragusa, sezione “White List”, può essere inoltrata anche per posta elettronica certificata all’indirizzo sicurezza.prefrg@pec.interno.it, specificando nell’oggetto “iscrizione white list”. Possono richiedere l’iscrizione nell’elenco tutte le aziende che hanno sede legale in questa provincia.Maggiori informazioni sono rinvenibili sul sito istituzionale della Prefettura di Ragusa.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine