A 25 anni dalla nascita del Web…i social e le bufale potrebbero ucciderlo (di Salvatore Calleri)

Pochi giorni fa il web ha compiuto 25 anni.

Una vera e propria rivoluzione il web. Chi se lo sarebbe mai immaginato. Il web ha cambiato in qualche modo il mondo, nel bene e nel male. Da piccoli la mia generazione il web non lo immaginava in alcun modo. I nostri telefilm preferiti non l’avevano previsto. Per il 2000 il nostro sogno erano le auto volanti. Oggi siamo arrivati (quasi) al pilota automatico.

Il web ci ha portato verso altre meravigliose invenzioni: lo smartphone, i tablet e lo
strumento dei social. Il web ci ha regalato una maggiore libertà. Libertà di espressione. Libertà di comunicare. Il web permette anche di salvare molte vite. Il web non ha confini e se una persona alle prese con qualcosa da dire e che la deve condividire magari perchè rischia la vita, con il web ne ha la possibilità.

I motori di ricerca di cui il principale oramai è google hanno aiutato internet. Idem you tube con i video.

Il web però ha anche diverse facce oscure. Il deep web ma non solo… La principale a mio avviso è la possibilità di far girare bufale e diffamazioni varie senza grandi possibilità di difesa perchè la gente oggi si beve con facilità quasi tutto ciò che trova in rete. Il web ci ha portato facebook, twitter e similari, le chat private e pubbliche tra cui whatsapp. Utilissime per comunicare, ma… troppo usate come sfogatoio cafone. Sono cosi’ diffuse che molti giovani pensano che facebook sia internet… Ma non è cosi’.

Anche i litigi non sono piu’ gli stessi. Oggi se ti vuoi fare un nemico basta che lo cancelli da facebook o da una chat di whatsapp. Un gesto che viene considerato alla pari di un’offesa insanabile.

Oggi a molti vien voglia di fare screenshots delle chat private commettendo un reato… Ma tant’è sono ignoranti. Le chat e le cavolate che vi si scrivono influenzano la politica.

Il mondo cambia in fretta, il mondo digitale ancor di piu’, ma la mia sensazione a pelle è che i social e le bufale stiano uccidendo senza accorgercene il web.

Sarebbe un peccato.

Sforziamoci quindi di usare bene i social e basta con le bufale please.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine