33 anni, tanti sogni ed una fine senza Giustizia

33 anni, tanti sogni e un’immensa voglia di raccontare verità scomode, esattamente le stesse che oggi mancano sul suo omicidio.

Ilaria Alpi, giornalista del TG3, venne uccisa a Mogadiscio insieme a Miran Hrovatin.

Io non conoscevo Ilaria, l’ho conosciuta prima nei racconti di Vittorio Di Trapani, Beppe Giulietti e Fabrizio Feo, poi negli incontri con mamma Luciana.

Custodisco gelosamente uno degli ultimi discorsi pubblici che Luciana Alpi mi donò, in cui chiedeva, ancora una volta con forza, verità per sua figlia Ilaria.

Ilaria, è chiaro, morì per le sue inchieste giornalistiche. Per quella che la mise sulla pista di un traffico di armi e di rifiuti tossici che avrebbe visto, tra l’altro, la complicità di parte dei servizi segreti italiani.

Fu uccisa, nel posto “migliore” per chi voleva farla fuori: a Mogadiscio.

Una storia di depistaggi, come quello che portò alla condanna di un innocente, il somalo Hashi Omar Hassan. Poi definitivamente assolto. Una storia di sofferenze, per Ilaria e Miran che non ci sono più, per gli amici ed i colleghi. Per, in particolare, Luciana e Giorgio, i genitori di Ilaria.

Mamma Luciana aveva un’enorme paura: “alla mia morte archivieranno tutto e per Ilaria non ci sarà Giustizia”, ripeteva terrorizzata.

Due anni fa oggi, Luciana morì.

Con tanti suoi amici, anche io la promessa fatta a mamma Luciana voglio mantenerla: evitare che la morte di Ilaria e Miran venga archiviata, non dimenticare, non dargliela vinta. La verità su Ilaria e Miran, riguarda uno dei (purtroppo tanti) misteri di questo nostro disgraziato Paese.

Sta a noi decidere se occuparci di “nani e ballerine” o chiedere tutti insieme verità e giustizia per Ilaria e Miran.

Ciao Luciana, ci manchi. Ma noi, come vedi, non ci arrendiamo!

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine