“A Modica il depuratore non funziona”.

Sembrano non avere fine i problemi che riguardano la gestione delle acque reflue a Modica. Il tema torna di attualità, prepotentemente, con le parole del rappresentante della Uiltec. “Da qualche settimana la gestione del trattamento acque reflue dei depuratori di Modica è assolutamente critica e instabile. Ciò mette a rischio l’incolumità degli addetti, costretti a lavorare in uno stadio di continua emergenza”. Lo denuncia Giuseppe Scarpata, segretario generale della Uiltec di Ragusa, che sottolinea i pericoli per la salute dei cittadini derivanti da un cattivo funzionamento dei depuratori. Il rappresentante sindacale, che ha scritto al sindaco Ignazio Abbate e all’Arpa, invita a “volere intraprendere opportuni controlli e, nel caso, avviare analisi di dettaglio strutturale e gestionale per il corretto funzionamento degli impianti. Occorre intervenire, con tempestività, per rimuovere ogni criticità degli stessi e mettere in sicurezza lavoratori e popolazione”. Proprio da Palazzo “San Domenico”, assicurano di essersi già attivati per verificare la problematica e risolverla, mettendo in sicurezza, come chiede Scarpata, sia la popolazione che i dipendenti che vi lavorano.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine