Allarme criminalità a Vittoria: lo Stato alza la voce, implementati i controlli, arriva anche il Reparto anticrimine

Stretta sui controlli a Vittoria dopo la recrudescenza della criminalità. Dal 30 novembre, in esecuzione di quanto stabilito in sede di Comitato per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica presieduto dal Prefetto di Ragusa, Giuseppe Ranieri e a seguito di una riunione tecnica di coordinamento con i vertici delle Forze dell’Ordine, sono scattati i servizi interforze di controllo straordinario del territorio finalizzati a prevenire e reprimere azioni delittuose e, più in generale, a tutela dell’ordine e della sicurezza Pubblica. Il servizio, predisposto con ordinanza del Questore di Ragusa, Giusy Agnello, è coordinato dal dirigente del Commissariato di Polizia di Vittoria e vede la partecipazione di numerose unità della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia locale di Vittoria con il supporto di equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Sicilia Orientale di Catania, appositamente richiesti e già in servizio da alcuni giorni nel comune ipparino. L’azione sinergica condotta dalle Forze di Polizia, ha permesso di realizzare un vasto ed articolato sistema di controllo del territorio, grazie anche alla specificità delle singole componenti messe in campo, consentendo, di verificare anche il rispetto della normativa anti Covid-19. Nel corso dell’attività svolta, sono stati effettuati numerosi posti di blocco e posti di controllo lungo le arterie di accesso alla città (via Garibaldi, altezza fiera Emaia, SS. 115, altezza zona Fontana della Pace, via Generale Cascino, rotonda SS. per Gela), nonché nelle zone periferiche e del centro cittadino ove si registra la maggiore concentrazione di persone come piazza Berlinguer, piazza del Popolo, piazza Manin, piazza Colonna, piazza Italia, via Cavour, via Garibaldi, via Bixio. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine