Banda dei buco per rubare ‘gratta e vinci’ e sigarette a Modica: tre condanne

Avevano sfondato una parete divisoria di una abitazione, per commettere un furto all’interno di una tabaccheria confinante, sottraendo, in base alle cronache dell’epoca, tagliandi gratta e vinci per 7.500 Euro, alcune centinaia di pacchetti di sigarette e il denaro contante contenuto nel registratore di cassa, circa 1.500 Euro. E oggi sono scattate tre condanne e un’assoluzione, nell’ambito dell’operazione denominata “Ruba e vinci” messa a segno dalla Compagnia dei carabinieri di Modica a febbraio di quest’anno. Giuseppe Di Gabriele, Ignazio Lorefice sono stati condannati a 2 anni e 4 mesi di reclusione oltre a 1.200 euro di multa; a Salvatore Carbonaro, che rispondeva di ricettazione dei tagliandi, è stata inflitta la pena di 1 anno e 4 mesi di reclusione, 200 euro di multa. Per tutti, il pagamento delle spese processuali. Di Gabriele e Lorefice dovranno anche rifondere la parte civile dei danni patiti e pagarne le spese legali. L’attività investigativa messa in atto dai militari dell’Arma e la puntuale indicazione dei numeri seriali dei tagliandi rubati, ha portato a febbraio di quest’anno alla emissione dei provvedimenti degli arresti domiciliari per Lorefice e Di Gabriele. Le indagini dell’Arma per alcuni indizi emersi a seguito di sopralluogo, si diressero su soggetti vittoriesi, sia per alcune indicazioni sul veicolo utilizzato per il furto e la successiva fuga, e sia per il fatto che dei biglietti vincenti erano stati ‘incassati’ in alcune rivendite di tabacchi di Vittoria. L’incasso dei tagliandi vincenti era stato tracciato in collaborazione con l’Amministrazione dei Monopoli e riscontrato anche attraverso l’acquisizione dei sistemi di videosorveglianza degli esercizi commerciali interessati. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine