Brasile quadrato, Germania solida, Argentina mata de campeon, Olanda contro la storia.

Sono queste la 4 semifinaliste di Brazil 2014. Alla fine così come era successo nel turno precedente, anche nei quarti di finale vincono le favorite, non senza lottare, ma tutto senza sorprese. 

Ci è andata vicinissima all’impresa la Costarica che dopo aver resistito 120 minuti contro l’Olanda, esce ai calci di rigore. Proprio i tiri dal dischetto storicamente bestia nera per la nazionale orange, sfatati anche grazie all’intuizione straordinaria del tecnico Van Gaal che si tiene libero un cambio, per poter sostituire proprio per i rigori il portiere. Entra il prorompente Krul, che ne pare due e diventa eroe per una notte su tutte le strade d’Olanda. Mossa azzeccata!

All’Argentina bastano sette minuti per avere la meglio sul Belgio che fin qui era sempre riuscito a sistemare gli incontri nella ripresa. Non riesce il miracolo del cambio azzeccato a Wilmots stavolta, rimane però il buon mondiale disputato. Uomo della partita è stavolta Higuain, l’attaccante del Napoli alla prima realizzazione in questo mondiale, potrebbe essere decisivo proprio adesso che si è entrati nel vivo e le marcature per messi si fanno più asfissianti.  Pepita d’oro di riserva!

Il Brasile finalmente convincente e molto concentrato passa sulla Colombia, ma perde per la semifinale il suo talento Neymar (lesione ad una vertebra) e il capitano goleador Thiago Silva (squalificato). Ci vorrà davvero tanto cuore e tutta la spinta possibile per approdare alla finale del Maracanà. Alla caccia della Leggenda!

Infine la Germania, che come sempre arriva all’obiettivo minimo e sembra sempre con il minimo sforzo. Supera la Francia che paga tutti gli svantaggi di una formazione troppo giovane, ma che certamente dirà la sua in futuro. I tedeschi saranno di fronte al Brasile nella sfida di domani sera, contro un popolo intero, contro l’arbitro forse, contro la cabala che li vedrebbe sconfitti, ma sperano di rifare quello che era successo a noi nel 2006, quando sconfiggemmo i padroni di casa e poi volammo sulla coppa nella notte di Berlino. 

#tresonolecose

– tutti pensavamo che Neymar fingesse (come al solito), invece era un infortunio grave, qualcuno avrà pensato che lo meritasse #benglista #topsimulatore

– l’urlo di Krul terrorizza l’occidente #rivisitazioniarancioni

– ancora un giocatore del napoli decisivo nell’Argentina. Che porti bene? #lamiapreferitaalè 

Condividi
Vivo a sudditunisi, dopo aver girato l'Italia per un po'. Sono zio di una regina degli elfi, tifo l'Inter dai tempi in cui perdevamo sempre, ma eravamo invincibili. Voto il Pd quasi per lo stesso motivo. Scrivo di pallone, ma ho un libro nel cassetto dal titolo goloso. Alè.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine