Buon compleanno Libera!

“Sono Saveria Antiochia, la madre di Roberto”.

Si presentava così, in particolare nelle scuole, la signora Saveria. Ed è a lei che oggi, nel 26simo compleanno di Libera, penso. Con don Luigi, ovviamente. Lei, Saveria Antiochia, la “nonna” del movimento. Lei, libera e ribelle. Ribelle contro le complicità della questura di Palermo, contro le ipocrisie dei funerali di Stato.

Ripeteva sempre il nome di suo figlio Roberto, non “l’uomo della scorta” senza nome.

La mafia quel figlio poliziotto glielo ammazzò a 23 anni. Il 6 agosto 1985 accompagnava il “suo” commissario Ninni Cassarà a casa. Nove persone armate di kalashnikov spararono contro di loro una tempesta di fuoco, Antiochia cercò di fare da scudo con il suo corpo al dottor Cassarà e morì immediatamente.

Va sottolineato che Antiochia era un “volontario”, morì mentre era in ferie. Senza lasciare il “suo” commissario.

Auguri Libera, grazie della memoria quotidiana. Grazie Saveria Antiochia.  

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine