Cantieri di Servizio, Ester Bonafede a Chiaramonte

I “Cantieri di Servizio” che il Governo regionale ha inteso avviare per far fronte al forte disagio sociale determinato dalla mancanza di lavoro e, conseguentemente, di reddito sono stati l’oggetto all’ordine del giorno ieri a chiaramonte gulfi dov’è arrivata l’assessore regionale al Lavoro Ester Bonafede.  Il dibattito ha preso spunto dalla direttiva sottoscritta dall’Assessore Ester Bonafede con la quale sosto stati indicati i criteri per  predisporre i bandi dei Cantieri di Servizio che impiegheranno 20 mila siciliani per tre mesi. Nei cantieri, la cui durata non potrà essere superiore a tre mesi, potranno essere impegnati soggetti di età compresa tra i 18 anni compiuti e 65 anni non compiuti, residenti nel comune da almeno sei mesi.  Diverse le domande poste dai Sindaci, soprattutto per chiarire alcuni aspetti operativi, propedeutici al concreto avvio di tali Cantieri di Servizio. L’Assessore Bonafede chiarito che nel volgere di pochi giorni, una volta emanata questa nuova direttiva, tutti i Sindaci della Sicilia, divisi un due blocchi (Sicilia occidentale e Sicilia orientale) saranno chiamata a raccolta a Palermo e subito dopo saranno fissati i termini entro i quali presentare i vari progetti. Stando alle parole della Bonafede, la Regione su questi Cantieri di servizio non intende indugiare in nessun modo, avendo ben chiaro che la crisi occupazionale che attanaglia i siciliani impone tempi rapidissimi. Dopo si è anche discusso dei servizi erogati  dal Distretto Socio Sanitario n. 44 (Chiaramonte Gulfi, Santa Croce Camerina, Giarratana, Monterosso Almo e Ragusa). La questione di fondo rimane l’attribuzione dei fondi per far si che il Distretto possa continuare ad operare e garantire i servizi finora erogati.  Allo stato attuale, come è stato segnalato dai Sindaci,  la Regione non prevede altre risorse fin quando gli altri Distretti Siciliani non avranno speso il budget assegnato. Avendo questo Distretto 44 operato con tempestività ed efficienza ora si vede penalizzato per i ritardi accumulati in altre realtà siciliane. L’assessore Bonafede, nel prendere atto positivamente di come ha operato il Distretto 44 ha dato rassicurazioni che i fondi ci saranno. Per garantirli l’Assessore Bonafede ha precisato che intende rimodulare l’assegnazione di risorse fin qui disposta,  in modo tale che chi non ha speso in fondi non possa trattenerli in cassa.   Questo criterio operativo è stato accolto favorevolmente da tutti i Sindaci del Distretto che si incontreranno nei prossimi giorni a Palermo con l’assessore Ester Bonafede per definire le azioni conseguenti.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine