Carceri: Ragusa, recluso finge d’impiccarsi per picchiare agente

Ha finto di impiccarsi nella sua cella del carcere di Ragusa, ma dopo che un poliziotto penitenziario e’ intervenuto per salvarlo, lo ha brutalmente aggredito. Donato Capece, segretario generale del Sindacato autonomo polizia penitenziaria, commenta: “Solidarieta’ e vicinanza al poliziotto aggredito. Ma non si puo’ piu’ lavorare cosi’. Non siamo carcere da macello. Ogni giorno giungono notizie di aggressioni a donne e uomini del Corpo in servizio negli Istituti penitenziari della Nazione, contusi, feriti, umiliati e vittime di violenze da parte di una parte di popolazione detenuta che non ha alcuna remora a scagliarsi contro chi in carcere rappresenta lo Stato. Sono infatti continue le aggressioni al personale si verificano senza che vi sia un intervento da parte degli organi superiori. E questo convince i detenuti, specie quelle piu’ violenti, che possono fare quel che vogliono, restando impuniti”. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine