Case popolari a Modica, iniziati i lavori per rimozione delle reti

Sono iniziati lunedì i tanto attesi lavori di sistemazione del piano parcheggi ed ingresso delle case popolari di Via Sandro Pertini, a Modica. Le problematiche all’interno ed all’esterno delle case popolari, si trascinano da tempo e proprio nel mese di ottobre, un duro attacco del movimento “Cittadini Liberi”, riportò all’attenzione la questione. Così, dopo tempo, il comune di Modica iniziò a farsi carico degli annosi problema, iniziando con quello sanitario, causato dagli escrementi delle centinaia di colombe che “soggiornano” dentro le reti di contenimento installate dall’Istituto Autonomo Case Popolari di Ragusa. Le reti vennero poste per evitare la caduta di calcinacci dal soffitto del piano interrato, dal quale si accede agli alloggi popolari, ma creando sporcizia e degrado dell’ambiente. La denuncia fu accolta dal presidente del consiglio comunale, Roberto Garaffa, che allertò immediatamente l’amministrazione comunale e l’ufficio tecnico, effettuando in prima persona un sopralluogo per verificare le condizioni ed ascoltare i residenti. Nell’occasione, il coordinatore di “Cittadini Liberi”, Giorgio Iabichella, indicò loro le criticità da risolvere urgentemente, dopo averle raccolte dai residenti. “Speriamo che i lavori iniziati ieri mattina – dichiara Giorgio Iabichella -, proseguano celermente e che non vi siano altre sospensioni, così come accaduto con il “contratto di quartiere”. Proprio il “contratto di quartiere”, che secondo i precedenti amministratori doveva rappresentare una “manna” dal cielo, ha impantanato la situazione, creando notevoli disagi. “Molte delle problematiche irrisolte di questo quartiere – conclude Iabichella – corrispondono a promesse non mantenute o a lavori iniziati e mai completati. I cittadini sono stanchi di essere sfruttati in tempo di elezioni, per poi essere regolarmente dimenticati”. E sono proprio i residenti a mostrarsi scettici e preoccupati. “Abbiamo paura che, tolte le reti, inizino a cadere i calcinacci. La cosa urgente da fare – chiedono alcuni di loro – è immediatamente agire su piano piastra, dal quale nascono le infiltrazioni e danneggiano il soffitto dei garage”. Altra problematica che continua ad insistere vergognosamente all’ingresso del piano terra, proprio dove si trovano i portoncini delle abitazioni delle case di edilizia popolare, è la discarica abusiva. È inconcepibile come, da due mesi a questa parte, si continui a rimpallare la responsabilità ed a permettere ai bambini di giocare con i rifiuti accumulati e con i ratti che, da lì, fanno capolino.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine