Cristian Galati, picchiato e arso vivo

Massacrato a bastonate in piena campagna e bruciato vivo. È questa la terribile fine di Cristian Galati, appena 24enne.

Ma per raccontare la sua storia, bisogna fare un passo indietro. È la storia tragica di una famiglia, di una intera comunità.

Si dirà che la “colpa” di Cristian fosse quella di aver bruciato la macchina di un 34enne piccolo boss della zona, Santino Accetta. Ma in verità Cristian, insieme a tutta la sua famiglia, era alla disperata ricerca di notizie sul corpo del fratello (ventenne), Valentino Galati, scomparso nel 2007.

Sì, scomparso nel nulla, vittima della cosiddetta “lupara bianca”, perché amante della donna “sbagliata”, ovvero Angela Bartucca, moglie di Rocco Anello, il capoclan di Filadelfia (che non si trova negli Stati Uniti, ma in Calabria). La Bartucca era donna bellissima, capelli neri e occhi dello stesso colore, e durante la carcerazione del marito, non ha resistito e lo tradì prima con Santino Panzarella, poi con Valentino Galati. Entrambi scomparsi nel nulla. Risucchiati nella tragica vendetta della ‘ndrangheta. Uccisi e mai ritrovati. Ed in questa storia, c’è la sua storia: quella di Cristian. Bruciato vivo mentre cercava la verità sul fratello.

Storie avvolte nel mistero e nel silenzio. Storie che vanno raccontate se si vuole, soprattutto culturalmente, sconfiggere le mafie.

E per non dimenticare tre ragazzi: Cristian, Santino e Valentino.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine