Due coltellate nello stomaco: morire così, per aver “solo” difeso un’amica

Due coltellate nello stomaco: morire così, per aver “solo” difeso un’amica.

È la storia di Marco Vinci, 22 anni ed esempio per tanti che, davanti alla violenza contro le donne, si girano dall’altra parte.

Lui venne ucciso tre anni fa in Sicilia, a Canicattì, nella città che vide morire il “giudice ragazzino”, Rosario Livatino e il giudice Antonino Saetta. La violenza mafiosa, l’arroganza dei delinquenti, unisce queste storie.

Vinci non si girò dall’altra parte rispetto ai pesanti “apprezzamenti” che, il pregiudicato 34enne Daniele Lodato, aveva rivolto ad una sua amica seduta con lui al tavolino di un pub. Lo invitò a star zitto, a non disturbare, ad allontanarsi. Da questo invito, dalla difesa di Marco Vinci alla sua amica, una donna, nasce la scazzottata. Poi Lodato si allontanò, prese un coltello, tornò e uccise Vinci. La lama nello stomaco. La vita spezzata di questo ragazzone per bene, capelli biondi ed occhi azzurri, mai fuori luogo, ucciso perché da cittadino ha detto “no” alla violenza che troppo spesso le donne subiscono. Troppo per chi, invece, è dell’idea che “le donne siano oggetti”, quindi definibili in ogni modo.

Oggi come tre anni fa Marco Vinci, a soli 22 anni, moriva. Ma il suo insegnamento è altissimo e rimane indelebile, proprio come quello dei Giudici Livatino e Saetta.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine