“E’ piena di pidocchi ed è sporca”

“E’ piena di pidocchi ed è sporca”.

Fu questo il motivo per il quale, 38 anni fa, la signora Modesta Valenti non venne soccorsa dal personale sanitario dopo un grave malore e, quindi, lasciata morire. Senza una casa, la Stazione Termini a Roma diventava spesso il suo riparo e il 31 gennaio del 1983 fu lì che morì. Da sola.

Come Modesta Valenti, sono tante purtroppo gli “ultimi”, ovvero le donne e gli uomini senza tetto, a maggior ragione in questo momento di crisi sanitaria ed economica, che muoiono da soli. Nella nostra indifferenza.

Ricordiamoci che ognuno di noi è “ultimo” se viene lasciato solo.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine