Encomio per avere tratto in salvo persone in circostanze critiche di maltempo

La commissione centrale per le ricompense riunitasi il 28 gennaio 2020 presso il Ministero dell’Interno, su proposta del Questore di Ragusa , ha riconosciuto l’eccezionalità dell’opera prestata dai poliziotti del Commissariato di Pubblica Sicurezza di Modica.

Nella notte del 22 gennaio 2017, la città di Modica veniva colpita da piogge alluvionali che arrecarono gravi danni alla popolazione. 

In quella situazione l’allora comandante il Commissariato di Pubblica Sicurezza – Primo Dirigente della Polizia di Stato Nicodemo Liotti, attuale responsabile della D.I.G.O.S. di Reggio Calabria – per gli agenti di turno quella sera disponeva l’utilizzo dell’autovettura di servizio fuoristrada. 

Le precipitazioni via via aumentavano, trasformando tutte le strade della città in veri e propri torrenti.   

Numerose le richieste di aiuto che pervenivano al centralino del Commissariato di P.S. di via Cornelia, a seguito delle quali venivano effettuati molteplici interventi tra cui uno in c.da Beneventano in favore di diversi automobilisti che erano rimasti intrappolati all’interno delle loro autovetture a causa dell’abbondante acqua. 

Nella circostanza, gli Assistenti Capo Coordinatori Roberto Battaglia e Giorgio Cappuzzello intervenivano traendo in salvo diversi soggetti, fra cui donne e bambini attraverso il trasbordo tra i finestrini delle auto in panne, che venivano anche trascinate dalla corrente, e il fuoristrada della Polizia di Stato. 

Nel contempo, anche il dirigente Nicodemo Liotti interveniva in soccorso della popolazione e non avendo la disponibilità di altro veicolo adeguato alle necessità, utilizzava la sua auto-fuoristrada con l’ausilio del Sovrintendente Francesco Modica. Una volta raggiunti i luoghi interessati, traeva in salvo due ragazze rimaste intrappolate all’interno di una vettura in balia della corrente. L’allora Vice Questore Nicodemo Liotti, rimaneva in servizio con i suoi uomini fino a quando l’acqua nelle strade non defluiva per le migliorate condizioni meteo.

Coraggio, spirito di sacrificio, altruismo difronte a  persone in difficoltà, riconoscimenti questi, importanti per risvegliare in tutti noi il senso della comunità. , che premiano persone prima di tutto,  che davanti alle difficoltà e al pericolo per l’incolumità altrui hanno messo a repentaglio la propria vita. 

Alessia Sudano 

Condividi
Alessia Sudano, classe 1976, modicana di adozione ma catanese nel DNA. Da numerosi anni si occupa di marketing strategico o come lo definisce simpaticamente lei “emozionale”. E' una persona curiosa, allegra, intransigente, testarda, madre e donna in carriera, tratta la vita alla sua maniera "a colpi di sorrisi". Da sempre impegnata nella solidarietà e nel sociale, anche come capo scout nel gruppo A.g.e.s.c.i. "Modica 2", nella promozione del territorio e della cooperazione in ambiti politici, culturali ed economici. E' stata la promotrice del progetto provinciale "Guerilla Parking" attraverso il quale sia è dato impulso alla lotta al degrado delle strutture ludiche esterne a favore di una fruizione più confortevole per i più piccoli abitanti del territorio. Non vive il tempo secondo la definizione greca di krònos, a questo preferisce di gran lunga il kairòs, adora gli animali, ama dipingere, scrivere e ascoltare sola la musica giusta. Cura da anni la rubrica “Punti di svista” per la testata giornalistica "La Spia" perché a suo dire "ci sarà sempre qualcosa che merita attenzione e che non ha la giusta considerazione". La massima che da sempre ispira la sua vita è "parlate da uomini saggi, comportatevi come gente comune".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine