Fondazione Caponnetto: “Arresti dei fratelli Mamone, rivedere il sistema degli appalti”

“L’odierna operazione del Noe dei Carabinieri di Genova, coordinata dal pm Paola Calleri, nel corso della quale sono stati arrestati i fratelli Mamone, e che ha consentito di scoperchiare un sistema di malaffare nel campo dello smaltimento dei rifiuti post-alluvione, dimostra come sia lacunosa la normativa sugli appalti pubblici”.

A parlare sono i vertici della Fondazione “Antonino Caponnetto”, Salvatore Calleri e Renato Scalia.

“La Fondazione Caponnetto ritiene che sia assolutamente indispensabile rivedere gran parte della normativa sugli appalti, prevedendo anche più stretti ed efficaci controlli. La situazione attuale non è più tollerabile. E’ fondamentale verificare, inoltre, se le mafie presenti in Liguria si stiano già organizzando per i futuri lavori pubblici”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine