Fratellanza: Salvatore e Vincenzo Vaccaro Notte

Un colpo di lupara alla testa per “liberarsi” di Salvatore, a soli 43 anni e tre mesi dopo la morte di Vincenzo, l’altro fratello.

Salvatore e Vincenzo Vaccaro Notte erano fratelli. Entrambi ragazzini abbandonarono per mancanza di lavoro il loro piccolo paese della provincia di Agrigento, e si trasferirono in Germania per lavorare come pizzaioli e guadagnare. Appena riuscirono a mettere da parte un piccolo gruzzoletto, realizzano il sogno del ritorno a casa. In Sicilia investono i soldi guadagnati, avviando un’impresa di pompe funebri. Entrarono così in concorrenza con altri due fratelli, vicini ad una famiglia mafiosa. Salvatore e Vincenzo vennero in primo luogo “avvicinati” ma rifiutarono qualsiasi compromesso con i mafiosi. Così Vincenzo venne ucciso il 3 novembre del 1999, rimasto solo, il fratello Salvatore non demorde, continua la sua attività e indaga per conto suo sull’omicidio del fratello. Il 5 febbraio del 2000, 21 anni fa oggi, viene ucciso. Con il colpo di lupara alla testa. Entra in gioco a questo punto un terzo fratello, Angelo che decide di non agire da solo ma di affidarsi alle forze dell’ordine. E finalmente si arrivò agli arresti ed alle condanne.

Vincenzo e Salvatore, fratellanza.

Due nomi, due volti: una storia.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine