Furti negli istituti scolastici: scoperta banda di rumeni e recuperata refurtiva

Da diversi mesi fino a ieri avevano fatto piazza pulita nelle strutture pubbliche scolastiche e nelle attività commerciali di Comiso. Grazie alla immediata e tempestiva attività info-investigativa condotta dai Carabinieri della Stazione di Comiso, i responsabili degli innumerevoli furti verificatesi recentemente hanno un nome ed un cognome. Si tratta di un gruppo di 11 cittadini rumeni, di cui 6 maggiorenni e 5 minorenni, ritenuti responsabile a vario titolo dei furti di materiale informatico, elettronico e di cancelleria consumati in tempi diversi nei confronti di 3 istituti scolastici di Comiso (Scuole medie statali “Pirandello” e “Verga”, Scuola materna “Senia”) e di due attività commerciali site nel Comune kasmeneo (una rivendita di frutta secca ed una videoteca). Alcuni dei rei erano proprio gli studenti di queste scuole. Nello specifico il materiale dopo essere stato sottratto veniva smontato, assemblato e venduto ad altri soggetti, in maniera tale da far perdere le tracce della provenienza illecita, circostanza che denota una particolare attitudine dei membri del gruppo nel settore informatico.
Nel corso delle perquisizioni domiciliari effettuate dai militari operanti venivano recuperati complessivamente nr. 8 computers (unità di sistema), nr. 1 p.c. portatile, nr. 7 monitors, nr. 1 tastiera e nr. 3 hard disk, i quali venivano sottoposti a sequestro e riconosciuti dai legittimi proprietari, molti dei quali facenti parte di un progetto PON Sicilia ed acquistati con dei contributi regionali.
L’operazione di recupero della refurtiva e di identificazione dei rei è stata condotta a meno di 10 giorni della trattazione della problematica dei furti nelle strutture pubbliche di Comiso al Comitato Provinciale dell’Ordine e della Sicurezza Pubblica tenutosi ad inizio ottobre, ed a cui avevano preso parte anche alcuni Sindaci della provincia iblea. Le disposizioni di rafforzo di controllo del territorio di S.E. il Prefetto di Ragusa costituiscono il “leit motiv” dell’azione delle pattuglie della Compagnia di Vittoria, che in poco tempo hanno dato una risposta concreta ed immediata alla crescente preoccupazione della popolazione comisana.
Proseguono le indagini per verificare se gli stessi si siano resi responsabili di altri furti ai danni anche di private abitazioni o altre attività commerciali, tenuto conto che parte della refurtiva recuperata non hanno ancora trovato un legittimo proprietario.
Tutti e 11 i soggetti dovranno rispondere a vario titolo del reato di ricettazione e di furto aggravato dalla violenza sulle cose nonché commessa su ben pubblici.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine