Gennuso show a Granelli, con in mano le catene: “la Procura fa arrivare acqua inquinata”

Parole gravissime, attacchi istituzionali ed un italiano, come sempre, particolarmente claudicante. E’ il Gennuso pensiero e va in atto a Pachino.

Giuseppe Gennuso, deputato regionale di lungo corso con diversi procedimenti in corso e del quale ci siamo occupati tempo fa (LEGGI ARTICOLO), questa mattina ha attaccato tutti, stringendo fra le mani un paio di catene. In particolare, fra le sue parole, sono stati citati Prefetto e Procura e Gennuso ha concluso parlando di una “politica persecuzione”.

Il primo attacco, che sa di velata minaccia, il deputato Gennuso lo dedica al Prefetto di Siracusa: “Sua eccellenza il prefetto alzi la testa perchè rappresenta le istituzioni, lei è stato avvisato e non ha fatto niente nemmeno lei”.

Avvisato il Prefetto, che non si capisce quale colpe abbia nella vicenda di Granelli, l’attacco  del deputato regionale è alla “signora Procura“.

Gennuso qui supera se stesso: “la signora Procura della Repubblica, perchè non indaga? La Procura della Repubblica sta facendo arrivare, tramite autobotti, acqua inquinata e non dice niente?“.

Addirittura, per Gennuso, una responsabilità della “signora Procura” nell’avvelenare i cittadini. Incredibile ed inaccettabile.

CETTO LA QUALUNQUE? NO, IL DEPUTATO ACCUSA PREFETTO E PROCURA!

CETTO LA QUALUNQUE? NO, IL DEPUTATO ACCUSA PREFETTO E PROCURA! (VIDEO)Se fosse Cetto la Qualunque ci sarebbe davvero da ridere, ma stiamo parlando di un Deputato Regionale Siciliano in carica.E sono gravissime le sue parole, attacchi istituzionali ed un italiano, come sempre, particolarmente claudicante. E’ il Gennuso pensiero e va in atto a Pachino. Giuseppe Gennuso, deputato regionale di lungo corso con diversi procedimenti in corso, questa mattina – come si può vedere dal video che pubblichiamo tratto da Pachino Cam News -, ha attaccato tutti, stringendo fra le mani un paio di catene. In particolare, nelle sue parole, sono stati citati Prefetto e Procura e Gennuso ha concluso parlando di una “politica persecuzione”. Il primo attacco, che sa di velata minaccia, il deputato Gennuso lo dedica al Prefetto di Siracusa: “Sua eccellenza il prefetto alzi la testa perchè rappresenta le istituzioni, lei è stato avvisato e non ha fatto niente nemmeno lei”.Avvisato il Prefetto, che non si capisce quale colpe abbia nella vicenda di Granelli, l’attacco del deputato regionale è alla “signora Procura“.Gennuso qui supera se stesso: “la signora Procura della Repubblica, perchè non indaga? La Procura della Repubblica sta facendo arrivare, tramite autobotti, acqua inquinata e non dice niente?“.Addirittura, per Gennuso, una responsabilità della “signora Procura” nell’avvelenare i cittadini. Incredibile ed inaccettabile.Altro che “Cetto la qualunque”.@Paolo Borrometi

Pubblicato da Paolo Borrometi su venerdì 30 marzo 2018

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine