Giovanni Denaro nuovo segretario provinciale del PD. Calabrese abbandona l’aula e sbatte la porta

Spaccato ancora prima di nascere. E’ così che si può riassumere il Partito Democratico alla luce di quanto accaduto ieri sera a Villa Dipasquale dove tutti avrebbero dovuto votare per l’elezione del segretario provinciale ma dove invece, oltre ad una elezione scontata, si sono visti solo veleni ed abbandoni. Elezione avvenuta ma a votare non sono stati tutti. Calabrese ieri alle 19 indice una conferenza stampa dove presenta la propria strategia e le proprie scelte, poi attua quanto detto lasciando il congresso e non partecipando quindi alla ballottaggio tra Denaro e lo stesso Calabrese.
I motivi di quanto accaduto sono ben chiari proprio nelle parole di Calabrese sia in conferenza stampa che davanti ai presenti ieri a Villa Dipasquale. “Ho chiesto il rinvio del congresso all’11 novembre, ma non hanno accettato. Un congresso si può perdere, ma non a tavolino. Io ho vinto in 6 città su 12. Un congresso che si celebra senza la presenza di un organismo di garanzia regionale è nullo”. Incassato il rifiuto ad un possibile rinvio del Congresso Calabrese lascia l’aula senza ascoltare i successivi discorsi.
Alla fine però il nuovo segretario, con o senza Calabrese, è stato eletto ed ovviamente si tratta di Giovanni Denaro che Succede al comisano Salvo Zago. 113 votanti su 212, 112 voti a favore di Denaro ed una scheda bianca. Per Calabrese si sarebbe trattato di un complotto contro di lui, una strategia che ha visto insieme tutto il Partito Democratico del comprensorio ipparino.
Emozionato Giovanni Denaro, nuovo segretario provinciale “Questo atto è pienamente legittimo – ha dichiarato Denaro – la mia elezione non ha nessuna macchia. Sarò il segretario di tutto il partito, ma come ho chiesto già nel corso di queste settimane, non lasciatemi solo a svolgere questo durissimo lavoro. Da oggi – conclude – inizia una nuova era per il Pd”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine