Furto all’ospedale di Modica, tutte le piste al vaglio dei CC

Non c’è alcuna traccia dei malviventi che si sono introdotti nella farmacia dell’ospedale “Maggiore” di Modica riuscendo ad arraffare un ingente quantitativo di medicinali: Insulina, Fattori di Crescita, Antibiotici ed Epoetine.  La farmacia era rimasta chiusa dalle 14 di domenica alle 8 di lunedì, quindi il furto si è consumato in questo lasso di tempo. Ignoti si sono introdotti nella farmacia dal parcheggio posteriore all’ospedale ed hanno messo a segno il colpo indisturbati anche per l’assenza di telecamere. Ad accorgersi dell’ammanco negli scaffali è stata la responsabile della farmacia del nosocomio che ha denunciato il fatti ai carabinieri. I militari dell’arma continuano le indagini partendo dagli interrogatori, nelle prossime ore, al personale del “Maggiore”. Il nosocomio negli ultimi anni è stato sotto la lente d’ingrandimento della Procura per varie inchieste che riguardano le ipotesi di truffa portando alla luce un entourage malavitoso tra personale infermieristico e titolari di agenzie di pompe funebri. Un infermiere fu anche arrestato per essersi appropriato di medicinali per esercitare l’attività a domicilio, abusivamente.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine