Il bunker e Modica: come essere la Vigata di Camilleri

Pare che i cittadini modicani dopo aver visto parecchi episodi del commissario Montalbano girati nella loro bella città, trasformata per l’occasione nella Vigata di Camilleri, si siano calati nella parte e abbiano deciso di fornire degli spunti per un’altra storia del famoso scrittore di Porto Empedocle. 

Il rifugio antiaereo del quale il Sindaco sta cercando l’ingresso e le polemiche che sono sorte attorno a questa faccenda ricordano quei sentimenti quali ambizioni, orgogli, voglie di Giustizia, semplici curiosità ed altro che Camilleri è solito miscelare in ogni sua storia di Vigata muovendo i personaggi come pupi siciliani sotto la sua mano sapiente.

Senza la pretesa di emulare il celebre maestro, questi fatti modicani di oggi potrebbero essere trasportati nell’immaginaria Vigata e vedere…. un podestà che si arrisbiglia una matina ancora intruniato per le bumme sparate la sira prima per una delle tante feste pagate coi piccioli del comune quannu avi una bella pinsata: rapiri il vecchio rifuggio della piazza e trasformarlo in un museo ri guerra.

Gran bella pinsata che secunnu iddu farà parrari di Vigata i giornali nazionali tutti.  

E comincia a consare in piazza ‘na sorta di circolo equestri sulu che anziché i tendi che tutti i circoli equestri muntano, ci metti torno torno u purtusu quattro tavuluna.

Del resto, pensa, l’importanti è fari spittaculu.

A stu puntu, pirò, si ni veni ‘u partitu dell’opposizioni da sempre incaniatu ppi comu il Podestà spenni e spanni i soldi del Comune e comincianu i camurrii.

Si contestano l’incarico a la ditta ca sta faciennu u purtusu, l’obblighi re tabelli ri liggi e i sordi ca u Podestà voli spenniri pi sta bedda pinsata. I soliti cosi ca un partitu d’oppisizioni soli diri in questi occasioni se nun fussi ca coccarunu ri sto parito si permetti di diri che l’entrata del rifuggio è sotto l’occhi di tutti e non c’è bisognu di fari tutti sti purtusa.

Apriti cielu.

‘A genti comincia a murmuriari e a spiarisi ccu avi raggiunu e così facennu si comincia a mettiri in dubbio l’autorità del Podestà.

U sangu acciana ‘na testa di un assessuri e chistu si metti a buffuniari u partito avverso faciennu virri  a destra e a manca strazzi e scupi. E fino a ccà… Ma si ni parti il sicritario di un altro partito, ancora ciù russu di pilo e di pensieru, ca, giustamente, fa prisenti che ‘na assessuri non si po’ mettiri a fari l’attore comicu pi cugliunari cu nun sa pensa come a iddu e u sò Podestà.

Si sapi ca ‘na parola tira l’autra e, comu u solitu, s’arriva ai pagnuttuna.

La storia finisci ca, i pagnuttuna restunu (chiddi quannu s’arricivunu nun tornanu narré) al Podestà passa u firticchiu del rifuggio e del museo, il circolo equestri si smunta e la ciazza torna ad esseri chidda di prima. Macari con qualche basola messa peju perché si sa ca ‘a cultura il suo prezzo ‘u voli.

La storia potrebbe funzionare (sempre scusandomi per il pessimo uso del dialetto, ma non sono Camilleri) e se ne potrebbe ricavare pure una morale come il dovere, per chi ricopre incarichi istituzionali, di accettare le altrui obiezioni  replicando urbanamente e non dando corso ad atteggiamenti poco consoni.

Lo impone il rispetto del ruolo.

Tuttavia, dalle storie di Camilleri difficilmente si ricavano morali: le sue novelle, infatti, si limitano a descrivere situazioni ed emozioni.

Anche se, è bene dirlo, camuffano piuttosto bene la costante speranza di un futuro migliore.

Leinster

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine