Il Congresso Pd in provincia di Ragusa, “ordinaria” follia: urla, calci e…tanti brogli!

Il Partito Democratico in provincia di Ragusa avrebbe dovuto vivere oggi una giornata di “festa” (così sono considerate le primarie a tutti i livelli).

La festa, però, la stanno facendo gli spettatori increduli e semplici cittadini che fra Vittoria e Comiso stanno assistendo a spettacoli penosi, che di democratico hanno davvero ben poco.

Si inizia a Comiso quando, intorno alle ore 6:30 (cioè ad un’ora e mezza dall’apertura dei seggi) arriva al seggio il rappresentante di lista della lista “Lupo Segretario”.

Subito dopo aver salutato i componenti del seggio già presenti in loco, si accorge che l’urna di voto sia già “pesante”.

Ecco che scatta un duello quasi fisico per denunciare l’accaduto, terminati soltanto con l’intervento del 113.

La Polizia di Stato, riportata la calma, avrebbe chiesto ai responsabili di riferire cosa fosse successo nel locale Commissariato.

Così si arriva a Vittoria: cambia il luogo ma non la situazione.

Alle 7:50 circa arriva al seggio il Capolista della lista “Lupo Segretario”, Nanny Frasca.

Al suo arrivo la scena è la medesima di Comiso: urna “pesante” e polemiche varie.

Con ironia Frasca (che abbiamo provato a contattare telefonicamente, ma invano) chiede ai responsabili del seggio di “alleggerire l’urna entro pochi minuti”. Così viene fatto, ma anche qui intorno alle 11 si arriva ai contatti fisici, urla ed insulti, tanto da lasciare i passanti attoniti per il gran vocio.

Se ciò non bastasse, come si può vedere dalle foto, all’interno del seggio (proprio davanti al punto atto alla compilazione della scheda) campeggia la scritta “Fausto Raciti Segretario”, così da non lasciare dubbi alle persone indecise, su chi votare.

Ultima in ordine di tempo, raccontano i “bene informati”, è la compilazione delle schede “a fasci”.

Un esponente della lista “Monasta Segretaria” sarebbe stata trovata nel bagno a compilare alcune schede, forse con deleghe avute in bianco!
Insomma, in un partito in confusione, ci sarebbe meno caos! “Il Partito Democratico della nostra Provincia – dichiara Peppe Calabrese -, mi sembra riversi davvero in una situazione molto, troppo, preoccupante”.

LA RICHIESTA DI SMENTITA DELLA REFERENTE PROVINCIALE “GRUPPO CIVATI” 

“Se non mi avessero detto che sul giornale on line La Spia fosse stato tirato in ballo il seggio e la Lista Monastra a Vittoria, probabilmente sarei rimasta in piazza, a prendere il sole, davanti al seggio, in piacevole compagnia di compagni e amici a chiacchierare del più e del meno.

Rimaniamo basiti dalla narrazione dei fatti in questione. Non sappiamo a quali “fasci” di schede si riferisce, o a quali ipotetiche “deleghe in bianco”.

La verità e’ che certi esponenti del nostro partito esasperano le proprie posizioni, trasformando qualunque evento politico in arena, in teatro di scontri e “conte”.

A noi non appartengono certe pratiche.

Cambiare genere, per noi, significa anche cambiare modo di porsi in politica e nella vita”.

Nadia Fiorellini

Referente Provinciale Gruppo Civati

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine