Il coraggio di mamma Francesca

“È un massacro, una strage di innocenti che si sarebbe dovuto evitare”.

Lei è Francesca Frezza, madre di Nina. Si è battuta come un leone per avere verità dopo la morte di sua figlia (a sette mesi), ammalatasi in ospedale a Verona e morta a causa di una lesione cerebrale.

È la mamma che, con la sua battaglia, è riuscita ad ottenere la chiusura dei reparti infetti. E ha permesso di scoperchiare numeri impressionanti sulle infezioni da batterio killer, che si trovava in un rubinetto dell’ospedale. “Dal 2018 i bambini colpiti sono 96, i deceduti sono quattro. Tra questi anche mia figlia Nina”.

Francesca Frezza non avrà Giustizia finchè i responsabili non pagheranno. È assurdo tutto ciò, ed è ancor più assurdo che a denunciare sia stata solo lei.

Grazie Francesca per il tuo coraggio.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine