Gol “lampo” di Crisafulli, il Modica si aggiudica il match d’andata di Coppa Italia col Siracusa

MODICA – SIRACUSA 1 – 0

 

MODICA: Polessi, Buscema, Brancato, Arcidiacono, Pianese, Citronella, Mento, Truglio, Saraceno (dal 78’ Donzuso), Filicetti, Crisafulli (dal 55’ Sella), all. Seby Catania.

SPORT CLUB SIRACUSA: Russo, Peluso, Pirrotta (dal 55’ Miraglia), Figura (dal 5’ Bonarrigo e dal 55’ Napoli), Chiarello, Matinella, Montalbano, Lo Pizzo, Mastrolilli, Di mauro, Spampinato, all. Orazio Pidatella.

ARBITRO: Cutrufo di Catania.

RETE: al 1’ Crisafulli.

Con una rete a freddo di Marco Crisafulli, il Modica fa suo il match contro il Siracusa valido come gara di andata degli ottavi di finale di Coppa Italia Regionale. Un risultato che fa guardare i “tigrotti” con moderato ottimismo al return match in programma al “De Simone” il 23 ottobre.

Al “Pietro Scollo” si sono affrontate due delle migliori squadre del campionato di Eccellenza che non vogliono sottovalutare l’impegno in quanto la Coppa Italia costituisce una sorta di porta di servizio per approdare in Quinta Serie. Per questo motivo i due allenatori mandano in campo le migliori formazioni possibili.

Nel Modica sono assenti per squalifica il “bomber” Ignazio Panatteri e il centrocampista Sangiorgio, mentre tra le fila aretusee, Pidatella deve rinunciare per un problema fisico a Gigi Calabrese, mentre “Meno Gol” Bonarrigo si accomoda inizialmente in panca salvo entrare dopo appena 5’ per sostituire Figura. Tanti gli ex in campo (da Polessi a Filicetti per proseguire con Bonarrigo e  Gaetano Di Mauro).

Pronti via e i “tigrotti” passano subito in vantaggio. Arcidiacono dal fronte destro lascia partire un bel traversone sul quale si avventa Crisafulli (nella foto) che approfittando di una dormita generale della difesa azzurra con un tocco di piatto mette alle spalle del portiere avversario.

Il Siracusa prova a reagire ma deve fare i conti con l’attenta retroguardia rossoblù che non concede spazi alle punte siracusane e alla scarsa giornata di vena di Mastrolilli che si è limitato a giocare di sponda non riuscendo mai a superare l’arcigna marcatura dei difensori modicani. Il risultato che ne viene fuori è quello del Modica che gestisce agevolmente il gol del vantaggio e cerca di rintuzzare con azioni di rimessa e il Siracusa che non riesce a creare pericoli per Polessi che così come il suo dirimpettaio Russo rimane inoperoso per quasi tutti i 90’.

La prima frazione scivola via tra la noia dei circa trecento spettatori presenti in tribuna (la gara era vietata alla tifoseria siracusana).

Nella ripresa il Siracusa si fa vedere in avanti al 16’ quando Mastrolilli impegna con un colpo di testa Polessi che è pronto a sventare la minaccia. Il Modica scampato il pericolo va alla ricerca del raddoppio e lo sfiora in diverse circostanze. L’occasione propizia per i rossoblù arriva al 25’ quando Mento entra in area, ma al momento del tiro è fermato da un avversario che allontana. L’ex atleta dell’Igea Virtus ci riprova qualche istante dopo crossando un bel pallone al centro dell’area di rigore avversaria dove saraceno arriva con un attimo di ritardo per la deviazione aerea.

Al 28’  Mastrolilli prova a rendersi pericoloso, ma il suo tiro dal limite è “telefonato” e non crea difficoltà per Polessi. Al 75’ il nuovo entrato Sella ha sui piedi un buon pallone in area ma il suo tiro finisce di qualche centimetro a lato. A 7’ dalla fine Filicetti lancia millimetricamente Mento che evita l’intervento del suo marcatore, ma calcia debolmente con Russa che para senza problemi. Poi il fischio finale che permette al Modica di aggiudicarsi il primo round.  

Condividi

sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 – 9 -1966. Ho studiato all’Istituto Tecnico Commericiale “Archimede” di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80′ (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport “minore” a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine