Il percorso del Decamerone al “Caffè Quasimodo”

Un’interpretazione briosa, accattivante e ricca di messaggi  etici quella che l’attore Giorgio Sparacino, insieme con Ornella Cappello, Pippo Antoci e Monica Bisceglia, ha fatto del Decamerone del Boccaccio al Palazzo della cultura di Modica nel secondo sabato letterario del Caffè Quasimodo. Attorno ad alcuni personaggi delle novelle del Boccaccio, illustre protagonista della letteratura e della lingua italiana, quali Ser Ceppelletto, Chichibio, Federico degli Alberighi, Andreuccio da Perugia e altri, è stata portata sulla scena un lettura magicamente coinvolgente e che il pubblico intervenuto ha fortemente apprezzato.

Il percorso del Decamerone offerto da Sparacino è stato inquadrato nella sua cornice storico-letteraria da Lucia Trombadore che ha colto l’attualità di alcune tematiche delle novelle, tra cui l’amor cortese, l’ipocrisia, il motivo religioso, evidenziando come l’opera si apra con la descrizione della tragica situazione di Firenze oppressa dalla peste, con i morti per le strade, i lamenti, le urla e l’aria pesante che rendevano la vita in città una continua sofferenza. L’atmosfera della serata è stata caratterizzata da intrecci di lettura e musica, grazie alle voci narranti degli attori protagonisti  e  le note al pianoforte  del M° Gianluca Abbate.

Le conclusioni dell’appuntamento letterario sono state tratte dal presidente del Caffè Quasimodo, Domenico Pisana, il quale, ricordando che quest’anno, cade il settimo centenario della nascita di Boccaccio, ha affermato  che “in quest’opera Boccaccio si dimostra quasi come un primo umanista che  interpreta il suo tempo in chiave moderna. I temi del suo Decamerone  hanno ancora, dopo 700 anni, una attualità sorprendente perché pongono l’accento su aspetti della vita  come la follia, l’ironia, l’amore, il tradimento, i vizi e le virtù  ed una realtà di traffici, di lotta per sopravvivere, di conquista e violenza, di ingegno industrioso e abile. Il quadro di  ombre e di luci della società del ‘300, che Boccaccio stigmatizzava attraverso i personaggi del Decamerone, credo – prosegue Pisana –  si ripropongano ancora  nella società del nostro tempo, ove il malcostume, l’ipocrisia, la morale farisaica, l’incoerenza, la spregiudicatezza, la mancanza di scrupoli ci fanno assistere   spesso a scene tragiche e ad episodi che oscillano tra la comicità e la beffa”.  Una serata interessante, dunque, che ha visto anche la partecipazione di studenti delle scuole superiori della città, i quali hanno mostrato grande interesse per l’iniziativa, che ha dato loro l’opportunità di riflettere con disincanto sulla vita e  le sue contraddizioni. I cosiddetti “sabati letterari” del Caffè Letterario Salvatore Quasimodo di Modica, continueranno fino a maggio, a Modica presso il Palazzo della Cultura e a Ispica presso la Sala della Sciabica, e toccheranno variegati temi.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine