Il “prontuario” dei tradimenti

Anche se non si vuole ammetterlo, i tradimenti sono sempre esistiti. Nessuno è esente dalla tentazione erotica, e questo vale anche per coloro i quali hanno i principi morali ben radicati. Ogni tradimento però, ha la sua storia, le sue ragioni. Ci sono le incomprensioni, i disappunti, dietro ogni forma di infedeltà si nascondono spesso lacrime e sofferenza da una parte e gioia ed entusiasmo dall’altra; è raro che quando avviene un tradimento non si presenta la concreta possibilità che qualcuno, a breve soffrirà molto. Inoltre anche la qualità del tradimento è molto diversificata. Ci sono quelle perone che tradiscono per amore o per passione e quelle che lo fanno solo ed unicamente per vanità. Insomma, dietro ogni singola forma di infedeltà si nascondono troppe varianti per poter esprimere un’idea generale di tipo morale, psicologico o esistenziale. La crisi di un rapporto comunque, non giunge dalla sera alla mattina, la mia esperienza di vita infatti, mi ha portato a riflettere su dei punti che li ho trasformati in un “prontuario” che può essere indicativo a chi ha qualche sospetto ma è ancora convinto che il suo rapporto , funziona ancora bene. Certo le mie riflessioni non rappresentano un manuale per comprendere se il partner tradisce, però, a mio avviso qualche spunto di riflessione può suggerirlo

Ecco i punti più salienti:

1) Indifferenza erotica nei confronti del partner

2) Ritardi ingiustificati dal lavoro

3) Cambio improvviso del modo di vestirsi

4) Dieta

5) Presenze di scontrini strani sparpagliati nell’auto

6) Isolarsi spesso (come andare frequentemente in bagno a comprare qualcosa)

7) Utilizzo eccessivo del cellulare

8) Usare furtivamente il computer

9)Ammanco di soldi dal proprio conto corrente

Condividi
Enza Iozzia modicana di origini, dal 2001 vive a Piacenza. Nello stato di famiglia risulta sposata con 2 figli. Professionalmente è impegnata nel sociale. Per apparire nelle varie testate giornalistiche si è "inventata" un nuovo modo di fare cultura Il suo motto: Non è l'arte a rendere la donna diva, ma è la DONNA a rendere l'arte divina.

2 COMMENTI

  1. Secondo me chi tradisce non tradisce mai per amore, il tradimento presuppone che vi sia già un partner nella propria vita che si ama o almeno che si è amato fino al momento del tradimento. O si ama una persona o se ne ama un’altra, cmq se si ama si vuole solo la persona amata, si lascia il vecchio e si va verso il nuovo, altrimenti si respinge il potenziale nuovo e si rimane come prima, l’importante è non prendere in giro le persone che si dice di amare e soprattutto non prendere in giro se stessi. Il il tradimento è questa insopportabile compresenza di due o più che riflettono le insicurezze delle persone, in un tradimento non c’è spazio per l’amore, ci può essere passione, un momento di distrazione, abbassamento delle difese causate da alcol, interesse, spesso però è tutto un calcolo di convenienza, ma non si tradisce mai per amore, si tradisce per vuoto, tanto più la persona è vuota tanto più cerca di riempire la sua esistenza cercando sempre altro da ciò che ha. Bisogna dire che talvolta è un atto di intelligenza e di stupidità allo stesso tempo, per tradire bisogna essere scaltri, bisogna essere abili oratori, non farsi vedere, bisogna trovare sempre una scusa convincente per le proprie mancanze, bisogna gestire il proprio tempo e le proprie emozioni, c’è chi ci riesce per anni a mantenere la relazione clandestina, ed è per costoro bello proprio perché c’è la paura di essere scoperti, ma nel frattempo sentirsi intelligenti perchè lo si è nascosto bene. Questa è la parte intelligente. La parte stupida sta proprio nel fatto di proferire tanta intelligenza per una finalità stupida, vuota, del tutto insensata. Spesso la parte stupida consiste nel farsi beccare, si tradisce in due, tu puoi controllare i tuoi comportamenti non quelli della persona con cui treschi e questo è un punto debole, d’altra parte non farsi beccare fa emergere la crudeltà dei sodali fedigrafi, mettere su una farsa solo per prendere in giro una persona è veramente crudele. Al tuo elenco che è l’elenco di una donna verso un uomo aggiungerei almeno quelle di uomo verso una donna: in unfaithfull love la protagonista metteva pronte un altro paio di scarpe, comprava nuovi completini intimi, leggeva il libro regalato dall’amante, un po’ come Paolo e Francesca, galeotto fu il libro e chi lo scrisse, gli amanti comunicano con frasi tratti da libri, da canzoni, poesie,ecc Oggi basta il profilo facebook, vedere cosa si pubblica e se non le senti tue quelle frasi vuol dire che la persona con cui stai le manda ad un altro/ un’altra.

    • Grazie Antonio, interessante il tuo intervento. Credo che il tradimento sia una cosa innata dentro di noi, e sempre secondo me appartiene alle persone insicure che soffrono della paura dell’abbandono. Inoltre io non mi rivolgo ad entrambi i sessi, si presuppone che chi tradisce vada con l’altro sesso e non è dato sapere se l’altra parte è una persona single o, ahimè anch’essa impegnata. Insomma un gioco pericoloso, che non so quanto possa valere la pena, anche perché studi accertano che i traditori hanno breve vita, in tutti i sensi.

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine