In Prefettura a Ragusa sottoscritto l’accordo per un sistema integrato per il contrasto al fenomeno delle fumarole

Oggi, 3 luglio, presso la Prefettura di Ragusa ed alla presenza del Prefetto, Giuseppe Ranieri e dei vertici delle Forze di Polizia, è stato sottoscritto dal Commissario Straordinario del Libero Consorzio Comunale di Ragusa, dal Direttore Generale dell’Azienda Sanitaria Provinciale, dai Sindaci di Acate, Comiso, Ispica, Santa Croce Camerina, Scicli e Vittoria nonché dai rappresentanti delle locali associazioni Coldiretti e Confagricoltura l’Accordo di Programma volto a costituire un sistema di gestione per la raccolta differenziata, il recupero, il riciclaggio ed il corretto smaltimento dei rifiuti vegetali provenienti dalle coltivazioni agricole.

L’accordo, esito dell’attività di impulso e coordinamento avviata e perseguita dal Prefetto, semplifica gli adempimenti amministrativi a carico dei produttori agricoli e mira a diminuire il numero degli smaltimenti illeciti attraverso abbruciamento e ad aumentare l’efficacia della generale attività di controllo.

La nuova modalità di trattamento, fornita in concreto agli operatori del comparto serricolo, infatti, promuove politiche ambientali finalizzate alla realizzazione di una gestione integrata dei rifiuti ed al raggiungimento di economie di scala nella gestione dei servizi, togliendo ogni alibi ad operatori che persisteranno in pratiche dannose per l’ambiente e la salute pubblica. 

Sin da subito, l’azione del Prefetto Giuseppe Ranieri, è stata diretta all’individuazione, tra tutte le azioni possibili, di quelle che consentono nel breve periodo di ridurre pratiche illecite di abbandono rifiuti e la perniciosa pratica delle “fumarole” da parte di privati, aumentando le possibilità di smaltimento lecito e marginando chi persevera in comportamenti illeciti, sui quali sarà, quindi, ancor più focalizzata l’attività di controllo e repressione.   

Con il sistema di gestione oggi avviato, si dà il via all’impianto di gestione sito a Vittoria, in c.da Perciata, di proprietà del Libero Consorzio Comunale. Il sito, che può contare su un’estensione di circa 100.000 mq e su un posizionamento centrale rispetto alla zona serricola di Acate e Vittoria, verrà suddiviso in tre aree operative che si occuperanno dello scarico degli scarti vegetali, dell’essiccazione del prodotto e della trinciatura. 

I soggetti pubblici coinvolti, con l’accordo odierno, costituiscono un sistema di gestione che, in attuazione dei principi di responsabilizzazione e cooperazione, favorisce la raccolta differenziata, il recupero, il riciclaggio, ed il corretto smaltimento dei rifiuti, ne incentivi la corretta gestione, ne diminuisca la produzione e in generale la nocività, con evidenti benefici per l’ambiente della zona della cd. Fascia trasformata.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine