“Io a quel ragazzo gli devo la vita”: Giovanni Falcone e gli occhi dolci di Nino e Ida

Dopo trent’anni sono queste le parole che più e meglio ricordano il poliziotto Antonino (Nino) Agostino. Le pronunciò il Giudice Giovanni Falcone nel corso dei funerali di Agostino, della moglie Ida Castelluccio e del loro figlio che, la signora Ida, portava in grembo. 
Nino Agostino, la moglie Ida (sposati da un mese) ed il loro piccolo, vennero uccisi 
a Villagrazia di Carini, sulla porta della villa di famiglia, raggiunti da una serie di colpi sparati da sicari in motocicletta. 
Quel giorno, Agostino non portava armi addosso. La squadra mobile di Palermo seguì inutilmente per mesi un’improbabile “pista passionale”.
Agostino stava indagando sul fallito attentato dell’Addaura: il 21 giugno 1989 alcuni agenti di scorta trovarono su una spiaggia dell’Addaura un borsone contenente cinquantotto candelotti di tritolo. In quella stessa spiaggia si trovava la villa di Giovanni Falcone, obiettivo dell’attentato. 
La sera dell’omicidio alcuni ignoti “uomini dello Stato” riuscirono ad entrare nell’abitazione dei coniugi e fecero sparire degli appunti che riguardavano proprio delle importanti indagini che stava conducendo Agostino. 
L’omicidio dei coniugi Agostino è uno dei misteri più profondi di questo Paese, alla perenne ricerca della verità che, per un motivo o per un altro, viene sempre allontanata. 

“Io a quel ragazzo gli devo la vita”: Giovanni Falcone e gli occhi dolci di Nino e Ida Dopo trent’anni sono queste le…

Geplaatst door Paolo Borrometi op Zondag 4 augustus 2019
Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

1 commento

  1. “Pezzo” pregevole ed interessante Paolo. Gentili pensieri da Fabio S. P. Iacono (Giornalista e scrittore de “Nazione Futura.it” e “Destra.it”, già Guastatore “Aosta” – ottobre 1992/1993 Operazione “Vespri siciliani” – impiegato a Catania e Caltagirone).

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine