La capolista passa al “PalaRizza”, per il Caffè del Corso è ancora sconfitta

Caffè del Corso Modica – Indifesa Cinquefrondi 0 – 3

V. Caffè del Corso: Piero Spadaro 2, Cappello 3, Stefano Chillemi 2, Simone Spadaro, Incatasciato 6, Morale 9, Borgese 1, Assenza 7, Modica 5, Mauceri, Sortino (L), n.e. Scala, all. Di Grande.

Indifesa Cinquefrondi: Neri 4, Piedipalumbo, Carelli 16, Concolino, Crigna 4, Sterminio 6, Di Pasquale 15, Sall 2, Giovanni Chillemi 3, Mercurio, Montesanti (L2), n..e. Remo e Azzara (L1), all. Polimeni.

Arbitri: Spinella e Schillaci di Catania

Parziali: 20/25, 18/25, 21/25.

La capolista Indifesa Pallavolo Cinquefrondi passa al “PalaRizza” in tre set e infligge alla Volley Caffè del Corso Modica la quinta sconfitta (la terza casalinga). Il sestetto reggino ha impiegato poco meno di 90’ per avere ragione della formazione di Peppe Di Grande che ha cercato in tutti modi di tenere testa ai più quotati avversari che hanno avuto in Carelli e Di Pasquale le “bocche di fuoco” a cui la difesa modicana non ha saputo contrapporsi con efficacia.

Curiosità della partita la sfida tra i due fratelli Chillemi (Stefano con la Volley e Giovanni dall’altra parte della rete) che ha messo in difficoltà la famiglia che in tribuna non sapeva per chi tifare.

La gara inizia in equilibrio con la formazione di casa che resta in scia dei loro avversari fino al secondo time out tecnico che vedono i calabresi in vantaggio di un solo punto (15/16). Poi Neri inizia a giostrare il gioco della sua squadra con giocate di alta scuola e la capolista prende il largo e conquista con relativa facilità il parziale d’apertura.

Il Caffè del Corso accusa il colpo e nel secondo set tutto diventa più facile per i loro avversari che senza strafare si portano sul 2 – 0 a loro favore mettendo la gara sui giusti binari.

Più equilibrato per lunghi tratti il terzo set, con i calabresi che dopo aver accumulato un discreto vantaggio tirano i remi in barca permettendo la rimonta ai padroni di casa (19/19), ma dopo il time out chiamato da coach Polimeni e il ritorno in campo del sestetto base il Cinquefrondi mette il turbo e chiude la contesa a proprio favore confermandosi in vetta alla graduatoria del girone H del campionato di serie B2 maschile.

 

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine