La “corsa della vergogna”: un episodio di indifferenza spaventosa

Questo è soltanto uno dei tanti, tantissimi episodi di indifferenza. L’indifferenza, la freddezza nei confronti del dolore altrui, della sofferenza, del dramma quotidiano mi fa paura..mi spaventa più della vviolenza. Questo tipo di atteggiamento è un segnale della china pericolosa che sta prendendo la nostra società. L’indifferenza è un male oscuro che divora l’umanità, che spiazza, che divora la società civile. .Questa società sta tirando fuori il peggio di se stessa. Un gesto cosi di certo non potrà avere mai alcuna valida giustificazione..anzi è prova di quel senso umano, solidale, ormai teso a essere veramente raro.. Persone fredde come il ghiaccio che nemmeno si vedevano nei film adesso li ritroviamo negli angoli più contundenti della realtà. I politici, in primis, delle quali parole ne fanno promesse mai mantenute, illusioni , giocano sui sentimenti, sul dolore, sulle lacrime versate, sulla forza nel credere di poter trovare una via d uscita dalla tormentosa foresta..

Questa ormai è la nostra società. Questo sarà il futuro. La nuova era glaciale.

Francesca Ancella

1 commento

  1. L’immagine della donna che corre vicino ai morti é agghiacciante, ma non meno dell’immagine che non si vede di colui che con una telecamera in mano riprende i cadaveri dei malcapitati e la donna stessa. Non possiamo accusare la donna di omissione di soccorso senza accusare anche il cineamatore. O accusiamo entrambi o, se non c’era l’esigenza più forte della brama di filmare, nessuno dei due perché il fatto non sussiste. Mi vengono in mente quelle scene ormai purtroppo sempre più frequenti degli incidenti stradali con i cadaveri a terra e file di curiosi con sempre più idioti coi telefonini che scattano foto e video. Lo stesso cinefilo dice che quando lui riprendeva non c’era più nessuna emergenza tanto che decideva di darsi al reality show… ecco, in caso di processo contro la donna sarebbe proprio lui il testimone che la scagionerebbe.

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine