“La verità è che ci vogliono morti”. Mariella Russo si sfoga e rivolge il suo appello

“Tutta la mia immensa sofferenza iniziò per un problema ai denti. Non voglio che siano proprio i denti a farmi rischiare la vita”. Mariella Russo, giovane ragusana affetta da una rara patologia, la Mcs, torna a parlare ed a denunciare la propria condizione. “Già a marzo di quest’anno avevo protocollato una domanda all’Asp, relativamente alla problematica odontoiatrica. I miei denti per colpa della mia malattia – denuncia Mariella -, sono delicatissimi e ad oggi ne ho persi tre. La bocca, come mi hanno detto i medici londinesi del centro ospedaliero dove mi curo, è la parte più pericolosa. Per un’infezione potrei anche morire, ma da marzo ad oggi non ho ricevuto nessuna risposta dall’Asp”. La giovane ragusana è davvero stanca ed il coraggio che l’ha sempre accompagnata, questa volta è messo a dura prova. “Sono stanca, mi sento presa in giro. Ad inizio del mese di ottobre incontrai a Ragusa l’assessore regionale alla Salute, la dottoressa Lucia Borsellino. Mi disse che sarebbe intervenuta ed avrebbe reso possibile le mie cure. Anche in questo caso, a distanza di un mese, non ho ricevuto nessuna risposta. Non capisco come si possa scherzare con la vita delle persone; io a gennaio dovrei ripartire per Londra, ma oramai non abbiamo più neanche un euro”. Lo “sfogo appello” di Mariella Russo, è davvero accorato. “In quella occasione, ad incontrare l’assessore Lucia Borsellino oltre a me ed a mio marito, c’era la famiglia di Mauro Terranova. L’assessore prese degli impegni che, a quanto vedo anche nel caso di Mauro, non ha assolutamente mantenuto. Ci vogliono fare morire? Siamo davvero stanchi”. In pratica, sono due problemi, a cui la giovane ragusana deve far fronte: il primo certamente economico (basti pensare che ogni viaggio per la cura a Londra, costa intorno a 30 mila euro ed il rimborso è praticamente nella misura del cinquanta per cento), il secondo, che riguarda appunto i denti, potrebbe esserle parzialmente risolto anche dai privati. “Certamente, una clinica privata potrebbe aiutarmi a risolvere la questione. Il dottor Ottaviano Tapparo, dentista italiano che opera in Germania (l’unico che effettua questo genere di interventi su malati di Mcs), per risolvere il mio problema, ha chiesto che venga attrezzata una sala di rianimazione, perché in qualsiasi momento potrei averne di bisogno, a costo della mia stessa vita. Questo genere di intervento – racconta Mariella Russo -, è già stato realizzato un paio di anni fa dallo stesso dottor Tapparo ad una paziente di Trapani e proprio in quella occasione, si predispose una sala perfettamente funzionante. Così il problema fu risolto. Perché l’Asp di Ragusa non mi viene incontro? Cosa sto chiedendo? Ci fosse almeno qualche privato che mi mettesse a disposizione la propria struttura. In provincia ci sono diverse cliniche, ma ad oggi, a parte tanta solidarietà a parole, nessuno si è mostrato sensibile al problema”.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

1 commento

  1. Anch’io ho lo stesso problema! Inoltre rischio perdita lavoro xchè ho finito i giorni di malattia e sono funzionario in banca…e rischio di morire x infezione ai denti….sono di Pavia: non so come andrà a finite. Tu che pratiche hai fatto? A me non riconoscono la mcs come malattia…

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine