L’Ardens Comiso in formazione d’emergenza “espugna” Augusta e vola in vetta alla classifica

Pallavolo Augusta – Ardens Comiso 1 – 3

Parziali: 25/20, 19/25, 23/25, 21/25

Comiso – Colpo grosso dell’Ardens Comiso di coach Reccavallo che nella gara valida per la sesta giornata del campionato di serie C femminile di pallavolo passa in quattro set sul campo della Pallavolo Augusta e con i tre punti conquistati, grazie alla contemporanea sconfitta del Volley Paternò vola in vetta alla classifica.

Espugnare il Palazzetto dello Sport di Brucoli (da sempre campo molto ostico per il sestetto casmeneo) non è stata impresa facile per via della tenacia delle ragazze aretusee e delle tante assenze che hanno costretto il tecnico comisano a inventarsi il sestetto da mandare in campo.

Oltre a Selene Gambini, infatti, Reccavallo ha dovuto rinunciare all’apporto di Federica D’Avola che accusa un problema al ginocchio r a Cristina Buffolino assente per motivi personali già programmati con la dirigenza. Reccavallo, dunque, è stato costretto a mandare in campo una stoica Marina Gueli nonostante il 38° di febbre.

Chi ha sostituito le assenti, tuttavia, ha fatto in pieno il proprio dovere nonostante la partenza a “rilento” che ha permesso alle padrone di casa di aggiudicarsi il parziale d’apertura.

La determinazione e la maggiore esperienza del sestetto comisano, dal secondo set in poi hanno permesso a Denaro e compagne di ribaltare il punteggio e a portare a casa una vittoria che vale il primato solitario in classifica.

“ Godiamoci al momento la testa della classifica – dichiara a fine gara Peppe Campanella, Direttore Sportivo dell’Ardens Comiso – Certo una partita rocambolesca quella vista a Brucoli; d’altronde coach Reccavallo non poteva fare altro, viste le troppe assenze; brave le ragazze a rimanere concentrate e a vincere una partita difficile viste le circostanze. Speriamo di poter recuperare presto le infortunate perché c’è bisogno di tutte per continuare a fare bene, così come si è fatto fino ad adesso”.

 

 

Condividi
sono nato a Modica in un giorno che (purtroppo) coincide con una data storica 11 - 9 -1966. Ho studiato all'Istituto Tecnico Commericiale "Archimede" di Modica. Da sempre ho avuto la passione per lo sport e per il calcio in particolare. Dopo aver giocato a livello giovanile nel Modica calcio dopo un brutto infortunio al ginocchio ha pensato di vivere nel mondo dello sport da una diversa angolazione raccontando agli altri quello che succede nei vari campi e nelle varie manifestazioni sportive riuscendo a trasformare un mio hobby in lavoro. Ha iniziato a lavorare come giornalista agli inizi degli anni 80' (82/83) a Rtm pe rpoi passare a Video Mediterraneo. Tornato a Modica dopo quattro anni a Vignola (Mo) ho ricominciato curando lo sport "minore" a Video Regione per poi passare a VideoUno. Dal 2004 scrivo per il Giornale di Sicilia con belle esperienze nei giornali on line quali Giornale di Ragusa e La Spia.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine