L’Asp di Ragusa pronta a combattere i casi di autismo

In previsione dell’apertura del nuovo Centro per pazienti con disturbi dello spettro autistico o paralisi cerebrali infantili, a seguito della firma del protocollo d’intesa con l’OASI DI TROINA, che prevede, per l’appunto, l’istituzione di 16 posti per la riabilitazione di questi pazienti, la struttura complessa di Neuropsichiatria dell’Infanzia e dell’Adolescenza diretta dal Dott. Giuseppe Morando con la collaborazione dell’ Ufficio di Formazione dell’ASP di Ragusa, ha appena organizzato un corso di formazione sulle metodologie di intervento comportamentale per il trattamento dei Disturbi dello Spettro Autistico tenuto nella Sala Riunioni del Centro Trasfusionale in P.zza Igea a Ragusa.
Una tre giorni (3-4-5 settembre), ha detto Aliquò, aprendo i lavori del corso, che mette in evidenza come “la rete integrata di servizi sanitari, socio-sanitari ed educativi; l’approccio multi professionale e interdisciplinare e l’informazione, assieme al sostegno alle famiglie, costituiscono per l’Azienda un obiettivo primario da portare avanti”.

L’ autismo è una sindrome che colpisce 1 bambino su 150 secondo le Linee Guide Nazionali che comporta importanti difficoltà nell’area della relazione, comunicazione e interessi ristretti e comportamenti stereotipati e può insorgere entro i 3 anni di vita del bambino.
La Formazione che l’ASP di Ragusa ha avviato vede coinvolti, tra gli altri, i rappresentanti delle associazioni di famiglie delle persone con autismo della provincia di Ragusa e direttamente diversi genitori che vivono quotidianamente tale problematica.
Nei prossimi mesi seguiranno altri 2 moduli di approfondimento in cui i partecipanti svolgeranno diverse attività pratiche, anche direttamente con i bambini ed i ragazzi affetti da autismo.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine