Mafia: condannato a 30 anni per omicidio, tribunale lo scarcera

Luciano De Carolis

E’ stato scarcerato Luciano De Carolis, 48 anni, siracusano, indicato dai magistrati della Dda di Catania come esponente della cosca Bottaro-Attanasio di Siracusa, recentemente condannato per un omicidio legato ad un regolamento di conti. Il Tribunale del Riesame di Catania, che ha accolto il ricorso della difesa, rappresentata dall’avvocato Sebastiano Troia, ha disposto gli arresti domiciliari per il 48enne. Ha rimediato 30 anni di carcere, in primo grado, per il delitto di Angelo Sparatore, ammazzato a colpi d’arma da fuoco il 4 maggio del 2001 in via Gaetano Barresi. Il movente di quel delitto sarebbe connesso al pentimento del fratello della vittima, Concetto Sparatore, che qualche giorno prima dell’assassinio, aveva deposto in un processo contro il boss di Lentini, Nello Nardo, vicino al clan catanese di Santapaola. In questo stesso processo e’ coimputato Alessio Attanasio, 51 anni, considerato dalla Procura distrettuale di Catania come il boss della cosca Bottaro-Attanasio e condannato anch’esso a 30 anni di carcere. Il Riesame ha, pero’, respinto la richiesta di scarcerazione presentata dai suoi legali.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine