Mafia: confiscati beni agli eredi del boss Mario Marchese, condannato al Maxiprocesso 

I carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale di Palermo hanno eseguito la confisca di beni per un milione di euro, tra ville e imprese, divenuta irrevocabile con sentenza di Cassazione, del patrimonio riconducibile agli eredi di Mario Marchese, deceduto il 14 aprile 2016. Nato a Monreale nel gennaio 1939, gia’ condannato nel maxi-processo a Ccosa nostra, piu’ recentemente era tornato ad assumere un ruolo direttivo all’interno del mandamento mafioso di Villagrazia/Santa Maria di Gesu’, cosi’ come emerso dall’ordinanza cautelare del Tribunale di Palermo dell’11 marzo 2016, emessa poco prima del suo decesso. Si tartta di due abitazioni in villa a Villagrazia di Palermo, di un’impresa individuale a Palermo di distribuzione carburanti e del relativo complesso dei beni aziendali.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine