Mafia del Brenta, confiscata una villa all’ex boss Maritan

I Carabinieri del Ros e i Finanzieri del Gico di Venezia hanno eseguito il sequestro e la confisca di una villa a San Donà di Piave, la cui proprietà è riconducibile a Silvano Maritan, storico componente della Malavita del Brenta, per cui gestiva nel Veneto orientale il traffico di stupefacenti.
    La misura è stata emessa dal Tribunale di Venezia Sezione Misure di Prevenzione, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia e Antiterrorismo presso la Procura della repubblica lagunare.
    La villa risulta intestata a terzi ma di fatto è riconducibile a Maritan, già condannato in via definitiva per aver fatto parte, a partire dagli anni 1982/83, della banda di Felice Maniero, per rapina e associazione finalizzata al traffico di sostanze stupefacenti.

Le indagini svolte dal Ros hanno portato alla conclusione che i proventi vennero reimpiegati in parte per l’acquisto della villa nel 1985.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine