Mafia: Dolci (Dda Milano), Olimpiadi e Pnrr situazioni da monitorare

“Pnrr e Olimpiadi sono situazioni che vanno monitorate. Per le Olimpiadi invernali del 2026 si e’ parlato di realizzare un protocollo antimafia come quello messo in campo per Expo ma sarebbe meglio una cabina di regia che faccia capo a Roma perche’ gli enti coinvolti sono molteplici e non si trovano solo in Lombardia”. Lo ha spiegato Alessandra Dolci, procuratore aggiunto e capo della Dda di Milano, all’Assemblea nazionale di Avviso Pubblico, l’associazione che riunisce gli amministratori pubblici che si impegnano a promuovere una cultura della legalita’, in corso a Milano. Dolci ha poi parlato della ‘ndrangheta che adesso ha una “netta vocazione economica e le fonti di alimentazione delle nostre investigazioni sono le segnalazioni di operazioni sospette e non piu’ i cosiddetti resti spia – ha spiegato -. Alcune segnalazioni sono per noi fondamentali. Io mi aspetto che i pubblici amministratori istituiscano presso i Comuni un servizio addetto all’individuazione delle comunicazioni di operazioni antimafia sospette che vanno poi ad alimentare la banca dati, o che contattino in modo tempestivo l’attivita’ giudiziaria in caso di palesi attivita’ sospette”. 

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine