Mafia, fermata la scalata nuovo boss a Palermo: Pietro Formoso era il ‘re’ di droga e carne

Operazione “Gioielli di famiglia”. Eseguite a Palermo sette misure cautelari per associazione di tipo mafioso, estorsione aggravata ai danni di un imprenditore, frode fiscale e reati e contro la pubblica amministrazione. Fermata la scalata di un nuovo boss di Palermo, Pietro Formoso, fratello di due protagonisti della stagione stragista, ‘re’ della carne all’ingrosso e del traffico di droga, che si dava molto da fare anche nel settore dell’oro e dei preziosi. Sequestrati beni per un valore di 850 mila euro, comprese aziende del settore della vendita all’ingrosso di carne – che veniva piazzata e imposta nei supermercati di Palermo e provincia – di oro e oggetti preziosi, che avevano evaso l’Iva e l’imposta sul reddito. In azione finanzieri del Nucleo speciale di Polizia valutaria e del Nucleo di Polizia Economico-finanziaria, del Gruppo carabinieri di Palermo e della Compagnia di Bagheria: in tutto un centinaio di uomini, con l’ausilio di unita’ cinofile per la ricerca di armi ed esplosivi. Proprio Formoso, dunque, e’ al centro dell’inchiesta di oggi, coordinata dalla Dda di Palermo: fratello di Giovanni e Tommaso, entrambi condannati all’ergastolo per aver partecipato alle stragi del 1993, e’ ritenuto un esponente di elevato calibro criminale, gia’ raggiunto da numerose sentenze definitive per associazione finalizzata al traffico di droga, per le quali e’ ancora detenuto. Dal carcere avrebbe continuato a gestire gli affari grazie al sistema dei ‘pizzini’. Un profilo pericoloso confermato anche da alcuni collaboratori di giustizia, concordi nel ritenerlo coinvolto nel contesto mafioso di Misilmeri e palermitano, oltre che dotato di notevole capacita’ economica frutto delle sue attivita’ illegali.

Sino a oggi a Formoso non era mai stata contestata l’accusa di mafia. Il suo nome era gia’ emerso per operazioni sospette nell’ambito di approfondimenti svolti, in materia antiriciclaggio. Approfondimenti che adesso hanno permesso di documentare la sua partecipazione alle attivita’ della cosca mafiosa di Misilmeri, con il ruolo di referente per il traffico internazionale di stupefacenti proveniente dalla Spagna e dalla Colombia e per le estorsioni nei confronti di imprenditori locali, nonche’ per aver autorizzato l’affiliazione di soggetti a Cosa nostra; le attivita’ estorsive ai danni di un imprenditore palermitano, al quale sono stati richiesti 100 mila euro, quale asserito corrispettivo per l’acquisto di pietre preziose, gia’ saldate in passato; frodi da parte di imprenditori finalizzate ad evadere il fisco.
Tra gli indagati ci sarebbero anche un ispettore di polizia, per il quale e’ scattato il divieto di dimora a Palermo, accusato di omessa denuncia perche’ non avrebbe dato seguito alla segnalazione di merce rubata rivenduta in un compro-oro; e l’avvocato di Formoso che avrebbe agito da ‘postino’, prestandosi a un passaggio di pizzini tra lui e il suo cliente. Accertato anche il comportamento di un operatore nel settore dei compro oro finalizzato ad assicurarsi un atteggiamento di favore da parte degli organi di controllo. In particolare, le risultanze investigative hanno permesso di ricostruire la pretesa economica avanzata da Formoso all’imprenditore (che origina dalla cessione a quest’ultimo da parte dell’indagato di gioielli del fratello Giovanni) e di chiarire il sistematico apporto fornito nella fase di riscossione del denaro da parte di altre persone, notoriamente inserite in contesti mafiosi e che hanno commesso con ‘metodo mafioso’ pressioni e intimidazioni nei confronti della vittima. Una ulteriore conferma dello spessore del boss in ascesa.

Mafia: blitz Palermo; intercettazioni, “se vogliono il morto…” 

“Tu sei morto. Vedi che sei morto”. “Se qualcuno vuole il morto glielo do”. Mafia, interno notte… Le intercettazioni dell’operazione “Gioielli di famiglia”, eseguita oggi dai carabinieri e dalla guardia di finanza, testimoniano le forti tensioni tra gli uomini delle cosche, alle prese con nuovi equilibri e con ricchi affari, quelli che giravano attorno a Pietro Formoso, il personaggio principale del blitz, ‘re’ della carne all’ingrosso e del traffico di cocaina, con interessi anche nell’oro e nei gioielli. “Problemi di morti non ne ha – assicura una voce – se tu trovi un po’ di piccioli, io chiudo il discorso”.
Poi si parla proprio di Formoso, fratello di due esponenti di primo piano coinvolti nella stagione stragista del 1993: “Questo ha due fratelli all’ergastolo e lui se n’e’ uscito cosi'”, dicono due interlocutori, “vedi che mi ha risolto situazioni questa persona che nemmeno tu ne hai idea”. Un imprenditore con forti interessi e con una influenza crescente: “Mi ha detto uno a Palermo che arrivando da lui, sei arrivato ovunque a Palermo, pure allo Zen con lui. Ha un cognome che pare non conti, ma se vai da uno che invece tu pensi abbia un cognome che conti e gli fai il suo nome, si scappellano…”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine