Mafia, Mattarella: “riconoscenza per chi mori’ in difesa valori Stato”

Nel quarantesimo anniversario dell’uccisione di Michele Reina, segretario provinciale di Palermo della Democrazia Cristiana, il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, ha rilasciato la seguente dichiarazione: “In quel tragico 1979, segnato da una lunghissima scia di delitti mafiosi, cosa nostra alzo’ il tiro verso obiettivi simbolici dello Stato e della societa’ civile. Fu cosi’ che accanto a magistrati, investigatori, giornalisti, Michele Reina fu il primo uomo politico di rilievo a essere assassinato. L’obiettivo della mafia era colpire il tentativo di sottrarsi a condizionamenti e connivenze. Oggi che gli anni drammatici e tormentati degli attacchi alle istituzioni democratiche sono lontani, siamo consapevoli del debito di riconoscenza e di ricordo nei confronti di persone che, come lui, hanno subito la violenza omicida a causa della fedelta’ ai principi su cui si fonda la nostra Repubblica”.

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine