Mafia, morto il Papà coraggio Vincenzo Agostino

Oggi l’Italia perde un gigante della lotta alla mafia, della resistenza, della ricerca della verità e della giustizia.
Quella sua barba lunga andrà raccontata ai ragazzi, era la pietra d’inciampo per chi faceva finta di non capire il dolore di chi ha perso un proprio caro, quello di un padre per un figlio, una nuora (con il nipotino in grembo) uccisi.

Io perdo una persona cara, un uomo dai mille insegnamenti, dalle tante telefonate fatte da parole sempre nette, chiare.

Ti saluto con uno dei tanti abbracci che ci siamo dati. E che io porterò sempre nel mio cuore, caro Vincenzo.

Che la Terra ti sia lieve, ora che ti sei ricongiunto con la tua amata moglie.
Un abbraccio alla tua cara famiglia.
Noi non arretriamo di un millimetro e chiederemo (anche) per te, per mamma Augusta la verità per la morte di Nino ed Ida.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine