Mani sul Comune di Pachino, in 9 chiedono giudizio immediato per mafia: anche il Consigliere Spataro

COnsiglio Comunale Spataro Pachino

C’e’ anche il consigliere comunale di Pachino, Salvatore Spataro, tra le 9 persone che hanno chiesto di essere sottoposte al giudizio immediato per rispondere di associazione a mafiosa. La stessa richiesta e’ stata avanzata dal presunto boss di Pachino, Salvatore Giuliano, dal figlio Gabriele, dai fratelli Aprile, Claudio, 35 anni, Giovanni, 40 anni, e Giuseppe, 41 anni, Antonino Cavarra, 59 anni, Maria Sanguedolce, 30 anni, e Alex Greco, 30 anni. Sono stati coinvolti nell’operazione della Dda di Catania denominata Araba Fenice, conclusa dalla polizia con 19 arresti. Secondo gli inquirenti, il gruppo, con metodi intimidatori, avrebbe tenuto sotto controllo il mercato ortofrutticolo di Pachino imponendo le proprie produzioni alla rete di distribuzione dei supermercati. Il clan avrebbe anche tentato di mettere le mani sul Comune di Pachino, per gli inquirenti, infatti, si sarebbe avvalso “della forza di intimidazione del vincolo associativo per acquisire in modo diretto o indiretto il controllo e la gestione di attivita’ economiche, di concessioni, di autorizzazioni, di appalti e servizi pubblici”. A Pachino, nei mesi scorsi, si e’ insediata la commissione di inchiesta prefettizia per accertare se vi sono profili di scioglimento del Comune per infiltrazioni mafiose.

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine