Mario Giarrusso: Revoca carcere duro ad assassino di Pippo Fava? “Una vergogna inaudita”

“E’ una vergogna inaudita. Il boss Aldo Ercolano, nipote prediletto del capo dei capi di Cosa Nostra catanese, Benedetto Santapaola e condannato per essere il mandante dell’omicidio Fava, deve rimanere al 41 bis, cioè al carcere duro per i boss”.

A parlare è il Senatore del Movimento 5 Stelle, Mario Michele Giarrusso, componente della Commissione bicamerale Antimafia. Giarrusso prende posizione sulla revoca del cosiddetto carcere duro al boss Aldo Ercolano.

“In una recente intercettazione ambientale fra Cristofaro Romano (condannato a 20 anni nell’ambito del Processo “Reset”) e la moglie Mariangela Zucchero, figlia del noto Giuseppe Zucchero, nel centro scommesse di via Plebiscito, si conferma la pericolosità sociale di Aldo Ercolano ed il ruolo che ancora oggi il nipote di Santapaola continua a ricoprire seppur in carcere. E’ lo stesso Romano, infatti, a raccontare che in una riunione di clan “al nome di Aldo Ercolano sono seguiti battiti di mani”.
Mi associo – conclude Mario Michele Giarrusso – alla richiesta della Procura di Catania, affinché Aldo Ercolano possa rimanere nel regime carcerario che gli compete, ovvero al 41 bis, carcere duro per i boss”.

La Spia si era occupata del tema ieri (LEGGI L’ARTICOLO)

 

Condividi
Nato a Ragusa il Primo febbraio del 1983 ma orgogliosamente Modicano! Studia al Liceo Classico "Tommaso Campailla" di Modica prima, per poi laurearsi in Giurisprudenza. Tre grandi passioni: Affetti, Scrittura e Giornalismo. "Il 29 marzo del 2009, con una emozione che mai dimenticherò, pubblico il mio primo romanzo: “Ti amo 1 in più dell’infinito…”. A fine 2012, il 22 dicembre, ho pubblicato il mio secondo libro: "Passaggio a Sud Est". Mentre il 27 gennaio ho l’immenso piacere di presentare all’Auditorium “Pietro Floridia” di Modica, il mio terzo lavoro: “Blu Maya”. Oggi collaboro con: l'Agenzia Giornalistica "AGI" ed altre testate giornalistiche".

NESSUN COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Aggiungi una immagine